Logo Fà la cosa giusta Trento

Ripartire dalla scuola, una sfida per tutti

Fa' la cosa giusta! di Milano e partner promuovono serie di eventi online per riflettere sulla didattica a distanza e altri temi cruciali del mondo della scuola.


Edizione 2019 di Sfide: La scuola di tutti a Fa' la cosa giusta! di Milano
Edizione 2019 di Sfide: La scuola di tutti a Fa’ la cosa giusta! di Milano. Foto di: Archivio Sfide

Dal 14 al 22 novembre torna la terza edizione di Sfide: La scuola di tutti. Questa volta sarà online, come la stessa Fiera Fa’ la cosa giusta! di Milano (dal 20 al 29 novembre) a causa della grave situazione di emergenza sanitaria e il Dpcm del 24 ottobre che vieta questi tipi di eventi in presenza.

Salone dedicato a docenti, dirigenti, studenti e famiglie, Sfide da tre anni fa parte del programma cultural della Fiera. “Fin dalla prima edizione di Fa’ la cosa giusta! abbiamo sempre coltivato uno stretto rapporto con la scuola: i docenti portavano gli studenti a visitare gli stand, a partecipare a laboratori e convegni”, ricorda Piero Magri, direttore di Terre di mezzo e dello staff della Fiera.

La versione online di Sfide offre un fitto programma di attività che affrontano i temi cruciali legati al mondo della scuola: dall’area dell’innovazione tecnologica alle pratiche inclusive, dalle tematiche psicologiche a quelle didattiche. Sono nove giorni di eventi gratuiti online tra convegni, webinar, incontri e laboratori.

“Quest’ anno, in particolare, avremo la possibilità di approfondire sulle criticità della cosiddetta didattica a distanza ma anche di ripensare il modo per coltivare delle idee e i sogni”, spiega il dirigente scolastico e uno degli idealizzatori di Sfide Marzio Rivera.

La dirigente scolastica e collaboratrice di Sfide Stefania Giacalone sarà una delle protagoniste al convegno di apertura del salone intitolato “I valori della scuola”. Insieme a Milena Santerini, Andrea Gentili e Agostino Frigerio, cercheranno di rispondere a questioni scottanti in tempi di coronavirus, come: “In un tempo in cui pare che tutto il dibattito sia tra difensori della didattica a distanza e difensori della ‘scuola in presenza’ – aspettiamo solo di tornare alla ‘scuola di un tempo’? La scuola in presenza garantisce di per sé uguaglianza di esiti formativi? Alla luce delle due modalità di lavoro (presenza/distanza), occorre ripensare i curricoli? È possibile, in questa crisi, rintracciare una convergenza sui valori della scuola? La pandemia ha modificato le attese nei confronti della scuola?

SCUOLE IN RETE

In tre anni, Sfide è cresciuto, diventato anche una rete che raggruppa una ventina di scuole. Loro condividono e promuovono alcuni semplici valori attorno ad un manifesto in difesa di “una scuola di tutti, innovativa, inclusiva, sicura, accogliente, aperta, coinvolgente, progettuale, sperimentale e responsabile”.

Promosso da Terre di Mezzo e Officine Scuole, Sfide conta con una rete di importanti partner tra cui l’Associazione nazionale pedagogisti italiani, Sapyent e Coop Lombardia. Gli organizzatori informano che sono già più di 2.000 iscritti alla maratona di eventi tra il 14 e 22 novembre.

Clicca qui per conoscere il programma e prenotazione, è possibile farlo cliccando sull’immagine accanto all’evento desiderato. Ai partecipanti verrà rilasciato dopo l’incontro un attestato di partecipazione.

Per informazioni scrivere a: info@sfide-lascuoladitutti.it

 


Potrebbe interessarti anche…

Evento: trekking solidale

di Redazione

Un trekking solidale alla scoperta delle erbe spontanee e per conoscere Maso al Sole e Tutti nello stesso campo.

eventomanifestazionitrekking

Daniela allunga la vita agli oggetti con i “suoi” swap party

di Marianna Malpaga

Appassionata di riuso, Daniela Delbò ha fondato Circolo Tallù assieme a due amici una decina di anni fa, dopo un corso di “Imprenditoria del riuso” che aveva seguito con Accademia d’Impresa. Oggi il Circolo porta avanti gli swap party, delle occasioni per dare una seconda vita ad oggetti usati ma anche per conoscersi.

Circolo TallùDaniela DalbòriusoSwap party

Biodiversità vegetale degli ambienti montani

di Redazione

Perché è così importante la biodiversità per la montagna? Gli animali ne traggono un beneficio e i prodotti derivati risultano più buoni e saporiti?

ambientimontanibiodiversitàFEM

Hai bisogno di informazioni?