Logo Fà la cosa giusta Trento

​Piergiorgio Cattani: in campo per la solidarietà

La scomparsa di Piergiorgio, non ha lasciato solamente dolore, ma come avrebbe voluto lui, anche una speranza. Infatti è stata aperta una raccolta fondi in suo ricordo, per la cooperativa sociale Punto D’Incontro.

Foto tratta dal documentario “Niente sta scritto” di Marco Zuin. Foto da: La Gazzetta dello Sport

È appena iniziata la raccolta fondi in ricordo di Piergiorgio Cattani, giornalista e intellettuale, presidente di Futura nonché direttore del portale Unimondo, partner di Fa’ la cosa giusta! Trento. Pier, com’era chiamato dagli amici, era affetto da una malattia rara. La sua famiglia ha espresso la volontà di donare eventuali offerte alla cooperativa Punto D’Incontro, alla quale il giornalista era molto legato. 

Punto d’incontro, al quale abbiamo riservato un articolo sul nostro sito, è un’importante realtà trentina nata dall’idea di don Dante Clauser per dare una possibilità alle persone escluse, in difficoltà e senza fissa dimora. 

A queste fragilità, spiega la famiglia Cattani, Piergiorgio era molto legato e grazie al vostro contributo possiamo donare un po’ di speranza a quelle persone che spesso, davanti alle imprevedibilità della vita, la perdono.

Per fare la donazione, clicca qui.

Niente sta scritto

Piergiorgio è anche il protagonista, insieme a Martina Caironi, un’atleta paralimpica italiana, di un documentario girato da Marco Zuin, che parla della capacità di affrontare le avversità della vita con l’aiuto delle persone e di non scoraggiarsi di fronte a niente. Il film s’intitola Niente sta scritto e non parla di malattie, ma di guarigione che va oltre il corpo fisico, di nuove vie di consapevolezza e di speranza.

Per guardare il trailer di Niente sta scrittoclicca qui.

Potrebbe interessarti anche…

Il tuo shopping con Energenius non avrà più sprechi!

di Redazione

Energenius, una giovane start up installata in Progetto Manifattura (Rovereto), ha ideato una piattaforma che permette di ridurre gli sprechi nei negozi. Gli algoritmi sviluppati grazie all’aiuto di FBK permettono di identificare automaticamente inefficienze e sprechi, di prevedere i consumi futuri e di analizzare la qualità dell’aria.

applicazioneEnergeniusProgetto Manifatturaroveretosprechi

A Vezzano un negozio sostenibile che si rivolge “Atotus”

di Marianna Malpaga

A Vezzano Silvia Atzori e Nicola Mascia hanno aperto, poco più di un anno fa, "Atotus", un negozio che promuove un diverso tipo di approccio alla moda. I clienti, "tippers", possono portare abbigliamento usato che prende tre diverse strade - le tre vie della sostenibilità - e possono acquistare abbigliamento di 9 brand sostenibili italiani.

AtotusriusoSilvia AtzoriupcyclingVezzano

Il tempo di un salario dignitoso a partire dal settore della moda

di Redazione

Campagna Abiti Puliti ha lanciato un nuovo rapporto: "Il salario dignitoso è un diritto universale. Una proposta per l'Italia, a partire dal settore della moda". Nel rapporto si affronta il tema della povertà lavorativa. Per fronteggiarla, la prima (ma non unica) strada è quella di lavorare sul salario minimo.

Campagna Abiti Pulitimodarapportosalario dignitoso

Hai bisogno di informazioni?