Logo Fà la cosa giusta Trento

Questo Trentino: “Giornalismo con la schiena dritta”

“Questo Trentino” è un mensile di informazione che realizza inchieste ed approfondimenti in esclusiva su problematiche di attualità in Trentino, spaziando a tutto tondo dalla politica, alla storia, alle arti, all’ambiente.

nella foto si vede la schermata web del giornale Questo Trentino
Questo Trentino concepisce l’informazione come un bene comune e disapprova la competizione che avviene tra le testate locali.

Di Anna Pianura, Veronica Iandolo, Francesca Eccel e Martin Iribarren*

Ettore Paris ci accoglie così: tra luci soffuse nella redazione del mensile da lui stesso fondato insieme ad altri reduci del ’68 desiderosi di cambiare il mondo attraverso la loro parole ed azioni. Appese alle pareti le foto dei protagonisti e delle copertine che testimoniano più di 40 anni di battaglie a colpi di inchieste ed approfondimenti.

Il mensile – racconta infatti il fondatore – nacque nel 1980 proprio con la finalità di fornire ai lettori un’informazione fuori da coro. Non si tratta tuttavia soltanto di un tipo di giornalismo “pugnace”. Accanto alle inchieste più scottanti, come ad esempio quella recentemente realizzata a proposito delle infiltrazioni dell’‘Ndrangheta nelle cave di porfido di Trentino, trovano spazio anche dossier ed approfondimenti sulle tematiche più svariate: la problematica delle concessioni idroelettriche, la storia locale non relegata al “mero trentinismo” ma con un occhio al ruolo del territorio nel contesto più ampio in cui si trova inserito, fino ad arrivare alle recensioni degli spettacoli teatrali. L’attenzione è quindi, in generale, a 360 gradi sulla società locale.

Quando gli chiediamo quali siano “gli ingredienti segreti” per lavorare in redazione, ci risponde che sono necessarie buone dosi di collaborazione, impegno, cultura generale ed intuito per acquisire indipendenza e sicurezza rispetto ai contenuti trattati. Tutte qualità che dovrebbero avere anche i giovani che si approcciano al giornalismo per la prima volta, oltre ovviamente alla capacità di scrittura che si acquisisce solo con il tempo e l’esercizio. “Non sempre è facile collaborare” confessa Paris in un “fuorionda”, “anche per l’attrito spesso esercitato dagli altri giornali locali che, forse a torto, considerano Questo Trentino come un concorrente sul campo, aggiungendo poi, con tono accorato, che l’informazione pubblica dovrebbe essere un bene di interesse comune e pertanto trattata in un contesto collaborativo piuttosto che competitivo.

Nel contesto della Fiera Fa’ la cosa giusta! Trento che quest’anno, a causa delle misure anti-Covid varate dai DPCM del Consiglio dei Ministri si è svolta interamente on line, Questo Trentino trova pertanto il suo posto insieme ad tanti altri espositori che, pur svolgendo attività diverse in campo alimentare o culturale, condividono tutti degli ideali e principi di collaborazione, responsabilità e solidarietà.

In questa video intervista, realizzata da Anna Pianura, Francesca Eccel, Martin Iribarren e Veronica Iandolo dell’Agenzia Stampa Giovanile, Ettore Paris parla dell’impegno, prestato insieme a tutti i suoi collaboratori, nella redazione di Questo Trentino, all’insegna di un giornalismo responsabile e “con la schiena dritta”.

* Giovani partecipanti al progetto Agenzia di Stampa Giovanile: Comunicare l’emergenza climatica, promosso dall’Associazione Viração&Jangada e co-finanziato dal Piano Giovani di Zona Trento e Arcimaga 2020.

Potrebbe interessarti anche…

L’era dove gli scarti non sono solo cose ma anche persone: il “Wasteocene”

di Marianna Malpaga

Marco Armiero, autore del libro “L’era degli scarti”: “C’è ancora l’idea neoliberista per la quale se una persona finisce in discarica, se diventa uno scarto, allora la colpa è sua. Poco importa se nasce nel posto sbagliato, se è malata, se è povera”.

disuguaglianzeera degli scartilibromarco armierowasteocene

Energie rinnovabili. Obbligatorie per legge ma nessuno lo sa

di Andrea Degl'Innocenti

Il blogger e ingegnere ambientale Pietro Cambi ha lanciato un appello per sensibilizzare opinione pubblica e addetti ai lavori su un testo normativo che impone l'utilizzo di fonti rinnovabili per il fabbisogno energetico di edifici di nuova costruzione e ristrutturati. Questa legge sarebbe disattesa da più della metà degli stabili realizzati in Italia negli ultimi dieci anni.

ambienteenergie rinnovabililegge

Cos’è l’economia circolare?

di Silvia Pedrazzoli

Il nuovo macrotema della campagna Vivila in 3D è il riuso. Per questo hanno scelto di approfondire il passaggio da rifiuto a risorsa sostenuto all'interno dei progetti di economia circolare.

Riciclorifiutitaprevolutiontrentino

Hai bisogno di informazioni?