Logo Fà la cosa giusta Trento

Prendiamoci cura della nostra citta: arriva “Puli…amo Trento”

Trento è una delle città con più aree verdi. I cittadini se ne prendono cura? Allo scopo è in programma sabato 30 aprile “Puli…amo Trento”. I primi volontari che si iscriveranno online parteciperanno all’iniziativa fortemente voluta dal Comune del capoluogo trentino.

Nonostante il Trentino sia un’isola felice, anche la città di Trento ha bisogno di essere ripulita da carte, rifiuti e oggetti gettati in tutti gli angoli delle città. È per questo che l’Ufficio del gabinetto e pubbliche relazioni – Beni Comuni e Sostenibilità e Transizione Ecologica del Comune ha organizzato una giornata di sensibilizzazione e cittadinanza attiva con la collaborazione di Dolomiti Ambiente, società che opera nel settore del servizio igiene ambientale, servizio raccolta rifiuti e gestione dei centro raccolta.

L’iniziativa “Puli…amo Trento” si terrà a Trento sabato 30 aprile dalle 9.30 alle 11.30 con punto di ritrovo nella piazza di Piedicastello. La proposta rientra nel progetto “Al mio quartiere ci penso anch’io” che ha preso il via nel 2016 con una partecipazione numerosa di associazioni, comitati e cittadini.

Gli aderenti si occuperanno di liberare dai rifiuti le sponde del fiume Adige nella zona del Ponte di San Lorenzo fino al quartiere delle Albere.

Per partecipare all’attività è necessario portare dei guanti monouso. Gli strumenti per la pulizia e la raccolta differenziata dei rifiuti verranno invece forniti da Dolomiti Ambiente.

Alla mattinata aderiranno le prime 150 persone che si iscriveranno online a questo link entro martedì 26 aprile.

Per maggiori informazioni contattare benicomuni@comune.trento.it o telefonare a 0461884551/0461884935.

In caso di pioggia “Puli…amo Trento” verrà spostata a sabato 7 maggio.

Potrebbe interessarti anche…

Il nostro consumo di plastica, testato

di Remedios Torrico Alcudia

Dopo una visita a Ricicla Trento, tre volontari dell'Associazione Inco, promotrici di Tap Revolution, si sono lanciati in una sfida: quanta plastica produciamo in una settimana?

consumoplasticatap revolution

Come mangiare sano e sostenibile

di Elisabetta Chiesa

Esiste un modello alimentare sano, che permette di crescere bene, di prevenire patologie in età adulta, sostenibile a livello ambientale, gustoso e poco impegnativo dal punto di vista economico?

cibodieta mediterraneasostenibilità

Solo moda sostenibile: l’unica via è comprare meno (e meglio)

di Marianna Malpaga

La giornalista Silvia Gambi ha ideato un podcast per raccontare la sostenibilità nel mondo della moda, Solo moda sostenibile. L’esperienza da cui è partita è quella di Prato, il distretto tessile più grande d’Europa che vive di riciclo e che ha raccontato assieme a Tommaso Santi nel documentario “Stracci”.

distretto tessilePratoriusoSilvia GambiSolo Moda Sostenibile

Hai bisogno di informazioni?