Logo Fà la cosa giusta Trento

Giornata Mondiale del Suolo: proteggiamo la sua biodiversità

Il 5 dicembre si è ricordata la Giornata Mondiale del Suolo. Risorsa che ci nutre, ci sostiene, ci fa vivere. Sotto ai nostri piedi c’è la ricchezza più fragile del mondo: la terra.

“Ci sono più organismi in 1 grammo di terreno sano che persone sulla Terra”. Foto di: Free-Photos da Pixabay

Lo sfruttamento del suolo è tra le prime cause dei cambiamenti climatici e di perdita di biodiversità. La sua tutela infatti è tra gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030: si punta a proteggere, ristabilire e promuovere l’uso sostenibile degli ecosistemi terrestri, la gestione sostenibile delle foreste, nonché combattere la desertificazione, fermare e rovesciare la degradazione del territorio e arrestare la perdita di biodiversità.

Ed è proprio la biodiversità il tema che quest’anno accompagna la Giornata Mondiale del Suolo, istituita dalla FAO nel 2014 per ricordare a tutti il ruolo fondamentale che svolge il terreno su cui abitiamo.

Quest’anno è stata lanciata la campagna: “Keep soil alive, Protect soil biodiversity” – Mantieni vivo il suolo, proteggi la biodiversità del suolo. Lo slogan mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di mantenere gli ecosistemi sani, affrontando le sfide che si incontrano nella gestione del suolo, e combattendo la perdita di biodiversità. È nostro compito infatti impegnarci per evitare lo sfruttamento eccessivo della terra, la sua deforestazione, spuntando invece alla sua conservazione e salvaguardia. Gli organismi del suolo svolgono un ruolo importantissimo nel promuovere la produzione alimentare, proteggere la salute umana, riparare all’inquinamento e contrastare i cambiamenti climatici. È ciò che emerge dal primo rapporto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite “Lo stato delle conoscenze sulla biodiversità del suolo”.

Con biodiversità per il cibo e l’agricoltura s’intendono tutte le piante e gli animali – selvatici e domestici – che forniscono cibo, mangimi, carburante e fibre. E anche la miriade di organismi che sostengono la produzione di cibo attraverso i servizi eco-sistemici – chiamati “biodiversità associata”. Questo include tutte le piante, gli animali e i microrganismi che mantengono i terreni fertili, impollinano le piante, purificano l’acqua e l’aria, mantengono le risorse ittiche e forestali in buona salute, e aiutano a combattere i parassiti e le malattie delle coltivazioni e del bestiame. FAO, 2019 Rapporto Stato della biodiversità mondiale per l’alimentazione e l’agricultura.

La biodiversità del suolo è quindi fondamentale per la sicurezza alimentare e per il conseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile. Ma nonostante ciò, la questione non riceve l’attenzione che merita. È compito di tutti utilizzare il suolo e la sua biodiversità in modo sostenibile, per contrastare al meglio i cambiamenti climatici e salvaguardare il nostro ambiente e il nostro mondo.

In occasione di questa ricorrenza, il 9 dicembre alle ore 18, si è tenuto un incontro organizzato dal Servizio Sviluppo Sostenibile e Aree Protette della Provincia Autonoma di Trento. Un incontro con esperti per scoprire l’importanza del suolo. Esperti di conservazione della natura, della ricerca e del mondo accademico si sono confrontati su questi temi e hanno offerto alla cittadinanza la possibilità di scoprire l’importanza della grande risorsa spesso sottovalutata chiamata Terra.

Potrebbe interessarti anche…

Scopri l’ecologia digitale con Altreconomia!

di Redazione

Altreconomia propone degli incontri sull'ecologia digitale. Online, questi appuntamenti durano mezzora e sono curati dagli autori del volume edito da Altreconomia "Ecologia digitale. Per una tecnologia al servizio di persone, società e ambiente". Martedì 19 luglio si parlerà di "Economia dell'attenzione", mercoledì 29 luglio di "open data, beni comuni" e martedì 26 luglio di "Non vogliamo che il digitale sia il nuovo petrolio".

Altreconomiaecologia digitaleincontrilibro

Sicilia, la temperatura aumenta, l’acqua scarseggia

di Marianna Malpaga

È normale che il clima cambi. Quello che ci deve preoccupare è la velocità con cui sta mutando, ci spiega Christian Mulder, professore di ecologia, scienze biologiche e scienze ambientali all’Università di Catania.

acquacambiamento climaticodesertificazionepioggiasicilia

Il meglio della meteorologia a Rovereto

di Redazione

Il festival, giunto alla settima edizione, è organizzato da AISAM, dall’Università di Trento, dal Comune di Rovereto e dalla Fondazione Museo Civico di Rovereto.

festivalmeteorologiarovereto

Hai bisogno di informazioni?