Logo Fà la cosa giusta Trento

Progetto Vivila in 3D

Vivila in 3D è un progetto nato da 13 giovani per promuovere le tre dimensioni della sostenibilità.

Vivila in 3D nasce con un team di 13 ragazze e ragazzi in servizio civile presso organizzazioni della società civile trentina.

Tutti sono uniti dall’esperienza del servizio civile, ma molti di loro hanno consolidato le loro idee e si sono potuti confrontare con degli esperti nella formazione di KM0: Giovani volontari per fare la cosa giusta. I ragazzi di Vivila in 3D sono un team di giovani che prestano o hanno prestato servizio civile presso organizzazioni della società civile trentina: CAM – Consorzio Associazioni con il Mozambico; Associazione Mazingira; Docenti senza Frontiere; Forum Pace per i Diritti Umani; Centro per la Cooperazione Internazionale e Vita Trentina.

Dopo la presentazione nel 2015 dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, associazioni, società civile e non solo sono diventati molto sensibili su temi come il cambiamento climatico e la sostenibilità. Vivila in 3D vuole essere uno strumento in più per collegare i puntini e scoprire quanto la sostenibilità faccia – o possa fare – parte delle nostre vite, delle nostre scelte e della trasformazione della società in cui viviamo, del modo in cui il nostro modello produttivo possa essere rivisto, in modo critico e consapevole.

In che modo? I ragazzi hanno due punti di riferimento: la cooperazione internazionale e il territorio trentino. Dal generale al particolare (e ritorno), lavoreranno per raccontare a quante più persone possibile tanto come possiamo agire nel nostro quotidiano quanto il valore – e la forza – di assumere una consapevolezza collettiva e di comunità. Per farlo, utilizzeranno tre call to action: riflessioni e azioni attorno a tre buone pratiche che ciascuno di noi può mettere in campo con un approccio critico e attento a tutto ciò che ci circonda.

Trovate un video di presentazione del progetto a questo link: https://fb.watch/56wN613EKn/

Seguiteli anche su Instagram e Facebook per rimanere aggiornati! Potete anche contattarli via mail: vivilain3d@gmail.com.

Il progetto è promosso nell’ambito del progetto Ecosportello Fa’ la cosa giusta, co-finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dal Servizio Politiche Sociali della Provincia Autonoma di Trento.

Potrebbe interessarti anche…

Plastiche, microplastiche e sacchetti… Ovunque

di Alessandro Graziadei

Le borse biodegradabili ci hanno veramente salvato dalle microplastiche?

europainquinamentoplastica

Come essere felici attraverso uno stile di vita sostenibile

di Redazione

Incontro con l’autore del libro “Ecologia di Felicità”, edizioni Aboca, all’interno del quale si cerca di guidare le persone verso uno stile di vita più sostenibile, che cambierà le città in cui viviamo.

presentazionelibrosostenibilità

Troticoltura in “alta quota”: l’esperienza di BioTrota Dolomiti

di Marianna Malpaga

Renato Dellantonio, titolare di BioTrota Dolomiti, ha raccontato la storia della sua azienda a conduzione familiare e le difficoltà che le troticolture stanno attraversando in questo momento. Secondo una direttiva europea, infatti, la sola specie autoctona in Trentino è la trota marmorata: questo sta creando non pochi problemi ai troticoltori.

biotrotadolomitifalaspesagustatrentoconsumoconsapevoletrota marmoratatroticoltura

Hai bisogno di informazioni?