Logo Fà la cosa giusta Trento

I volti di San Martino: l’azienda agricola di Lidia Piffer

Tra i produttori che partecipano al mercato di San Martino (Trento) del giovedì, c’è anche l’azienda agricola di Lidia Piffer. Nata nel 2017, dopo un paio d’anni di esperimenti l’azienda ha cominciato a vendere i prodotti cosmetici che nascono a Ziano di Fiemme con i fiori e le erbe coltivate da Lidia sull’altopiano della Vigolana e sopra Mattarello.

Lidia Piffer con i suoi prodotti cosmetici al Mercato di San Martino

Ogni giovedì, nel quartiere di San Martino, a Trento, si intrecciano storie, sapori e colori diversi che appartengono al mondo dell’economia solidale trentina. Il mercato, che ripartirà giovedì 7 aprile dopo la pausa primaverile, si svolge negli spazi esterni della Bookique in orario d’aperitivo, per invogliare anche gli studenti universitari a incontrare chi, quando vende, “ci mette la faccia”.

Quali sono i produttori che partecipano al mercato di San Martino? Lo raccontiamo attraverso una serie di interviste, per spiegare cosa #succedeaSanMartino il giovedì pomeriggio. Oggi è la volta di Lidia Piffer, titolare dell’omonima azienda agricola con sede a Vigolo Vattaro. “Dopo due anni di esperimenti, nel 2019 ho iniziato a vendere i miei prodotti di cosmesi – racconta Piffer -, ma la pandemia mi ha bloccata: il mercato di San Martino, per me, è un’occasione per farmi conoscere”. Lidia Piffer è figlia di contadini. “Mi è sempre piaciuto lavorare la terra – prosegue –, andavo sempre in campagna. Poi però ho lavorato per venticinque anni come sarta da casa, siccome avevo due bambini piccoli; quando ho potuto ho aperto la mia attività, anche se finora non ho avuto grandi guadagni”. Il logo dell’azienda agricola contiene anche una nota musicale. “Ho sempre suonato la fisarmonica – racconta Piffer – e mi piace l’idea di portare armonia anche nell’orto, dove coltivo prodotti diversi: avrò suppergiù una sessantina di spezie e di piante”.

Partecipa ad altri mercati oltre a quello di San Martino? Se sì, qual è la differenza?

Partecipo al mercato di Slow Food sull’altopiano cimbro. Sono i primi mercati che faccio con la mia azienda agricola, perché, anche se l’ho avviata nel 2017, ho passato i primi due anni a fare esperimenti. Quando ho cominciato a vendere, nel 2019, la pandemia mi ha fermata. Adesso ho bisogno di farmi conoscere, anche perché il mio è un prodotto cosmetico, che ha bisogno di essere provato.

Che prodotti vende?

Cosmesi su larga scala, quindi crema mani, crema viso, crema di arnica e timo, crema doposole, crema da uomo. Sono prodotti fatti con le erbe che coltivo sull’altopiano, ma anche sopra Mattarello: le coltivo, le essicco e poi le porto in un laboratorio a Ziano di Fiemme, che mi dà consigli sul fiore giusto per ogni crema.

Come si è evoluta, dal 2017 a oggi, la sua azienda agricola?

Da quest’anno collaboro con una mia amica che da poco ha aperto un’azienda agricola che si chiama “Nogarole”. Non siamo in società, collaboriamo semplicemente; mi piacerebbe far capire a tutti i produttori l’importanza della collaborazione.

Per quanto riguarda la produzione, a Mattarello coltivo le erbe aromatiche, come lavanda e santoreggia. Sull’altopiano, invece, coltivo i fiori perché vengono meglio: rosa, echinacea, arnica…

Da quest’anno ho deciso che farò anche degli infusi e amplierò la mia produzione di sacchetti

Quale è il suo prodotto “forte”?

I miei cuscinetti alla lavanda e all’erba luigia vanno tantissimo. Stanno andando bene anche la crema mani e la crema viso.

Ha conosciuto nuove realtà con cui prima non era in contatto?

Certo. Sono entrata in contatto soprattutto con Marco Tasin: domenica scorsa ho finito un corso organizzato da lui sull’agroecologia e sulla preparazione del terreno senza l’utilizzo di prodotti chimici. Io non sono biologica perché per me è solo burocrazia, ma coltivo comunque senza insetticidi: nel mio orto ho tante piante per combattere i parassiti.

Perché le persone dovrebbero venire al Mercato di San Martino?

Bisogna capire se le persone vogliono mangiare “chimico” o genuino. A San Martino si trovano prodotti genuini, anche se secondo me, in alcuni casi, bisognerebbe abbassare i prezzi.

I contatti dell’associazione e dell’azienda agricola. 3285775403 (Lidia Piffer)

Intervista a cura di Marianna Malpaga e Angela Dalpiaz

Potrebbe interessarti anche…

Il peso delle navi nell’inquinamento dei mari

di Redazione

In occasione della Giornata mondiale dell'acqua, pubblichiamo un articolo di un nostro partner con dati e soluzioni all'inquinamento di mari e oceani.

acquaemissioninavi

Obiettivi dell’Agenda 2030: l’Europa è in stallo

di Redazione

L’edizione del rapporto Sustainable Development Solution Network pubblicata nel 2022 offre una panoramica sul percorso verso la realizzazione dell’Agenda 2030 compiuto da 38 Paesi.

ambienteappacambiamento climatico

In Groenlandia si sono sciolte 7,2 milioni di piscine olimpiche

di Redazione

Il disgelo accelera: in soli tre giorni, dal 15 al 17 luglio scorso, in Groenlandia, dalla calotta polare si sono sciolte 6 miliardi di tonnellate di acqua al giorno, una quantità che potrebbe riempire 7,2 milioni di piscine olimpioniche. Lo ha riferito la CNN, citando i risultati del National Snow and Ice Data Center presso l’Università del Colorado. L'articolo di "Common Dreams" tradotto per Comune-info

fusioneghiaccioGroenlandiapiscine olimpiche

Hai bisogno di informazioni?