Logo Fà la cosa giusta Trento

L’orticoltura eco-responsabile si impara a Caldonazzo!

Tra giovedì 2 e venerdì 3 giugno, a Caldonazzo, viene organizzato un corso di orticoltura eco-responsabile. A tenerlo saranno l'agronomo Marco Tasin e il naturalista Giorgio Perini. La due giorni prevede sia momenti di approfondimento teorico sia "uscite sul campo".

Siete interessati all’orticoltura eco-responsabile? A Caldonazzo, tra giovedì 2 e venerdì 3 giugno, l’agronomo Marco Tasin e il naturalista Giorgio Perini organizzano un corso aperto a tutti.

Il corso di orticoltura eco-responsabile tra il 2 e il 3 giugno a Caldonazzo

Il 2 giugno ci sarà una parte teorica, dalle 9 alle 17, in cui si parlerà di questi temi: “L’agricoltura eco-responsabile: sostenibilità ecologica, inter-generazionale ed economica”; “Il terreno: lavorazioni e concimazione organica”, “Rotazioni e consociazioni”; “Controllo biologico degli insetti dell’orto (afidi, dorifora, larve e altri)”; “Raccolta e conservazione dei prodotti e dei semi”.

Il 3 giugno, sempre dalle 9 alle 17, i partecipanti potranno sperimentarsi “sul campo” con la lavorazione del terreno a due strati e la concimazione organica, il riconoscimento di organismi utili e dannosi, la costruzione di hotel per insetti utili e l’allestimento del bancale produttivo.

Per ulteriori dettagli e per i costi, bisogna contattare Francesca Lazzeri (346.7273548).

I formatori: L’azienda agro-ecologica Marco Tasin

Un’azienda di piccole dimensioni (3500 metri quadrati) situata tra Gardolo e Roncafort, a Trento, gestita seguendo i principi dell’agroecologia.

“La mia filosofia – spiega Marco Tasin – è quella di fornire alle piante le condizioni ottimali per crescere sane e produrre cibo saporito e ricco di vitalità. Ciò significa per me coltivare in un ambiente ricco di biodiversità, favorendo il più possibile i processi alla base di un ecosistema naturale”.

Potrebbe interessarti anche…

I volti di San Martino: l’azienda agricola di Lidia Piffer

di Redazione

Tra i produttori che partecipano al mercato di San Martino (Trento) del giovedì, c’è anche l’azienda agricola di Lidia Piffer. Nata nel 2017, dopo un paio d’anni di esperimenti l’azienda ha cominciato a vendere i prodotti cosmetici che nascono a Ziano di Fiemme con i fiori e le erbe coltivate da Lidia sull’altopiano della Vigolana e sopra Mattarello.

azienda agricolaCosmesiLidia Piffersan martino

Sapori di Libertà

di Redazione

"Li vogliamo buoni come il pane". Un progetto laboratoriale che coinvolge persone detenute con l’obiettivo di accompagnarle lungo il percorso di pena e di responsabilizzazione con azioni concrete di riparazione del danno.

associazioniciboprodotti

Clima, quali i rischi-chiave per il Mediterraneo e l’Europa?

di Marianna Malpaga

Due esperti e autori del rapporto del gruppo di lavoro II dell’IPCC, Piero Lionello e Gustavo Naumann, hanno pubblicato un documento che spiega i rischi del cambiamento climatico in Europa e in particolare nell’area del Mediterraneo. Lo studio prende le mosse dal rapporto pubblicato dall’IPCC lunedì 28 febbraio.

cambiamento climaticoeuropaIPCCmediterraneorischi

Hai bisogno di informazioni?