Logo Fà la cosa giusta Trento

Bom Bom di Fiori

Terra, argilla, semi e acqua si trasformeranno in fiori per portare biodiversità ed attirare gli insetti impollinatori. Ecco il Laboratorio della nostra Coach del BenEssere!

Questo laboratorio è davvero un’Esplosione di Bellezza BioDiversa!

Ma cosa sono i BoM BoM di Fiori? Si tratta di palline di terra, argilla e semi che si trasformeranno in meravigliosi fiori che attireranno gli insetti impollinatori con un enorme impatto benefico sulla BioDiversità e sull’EcoSistema in cui viviamo.
Oltre che portare bellezza arricchiranno la flora spontanea per una vera e propria riqualificazione dell’ambiente.
Solitamente sono chiamate “Bombe di Semi” ma per me questo nome è poco gentile e quindi le chiamerò “BoM BoM di Fiori” anche in omaggio ai simpatici Bombi preziosissimi amici dei fiori.
I Bombi infatti, per la loro grande efficienza come bottinatori, sono comunemente usati per l’impollinazione di importanti coltivazioni quali pomodoro, peperone, melanzana, fragola e piccoli frutti, il loro impiego si traduce in produzioni più elevate e frutti di migliore qualità.

Inoltre la mia formazione da Life Coach mi fa anche pensare alla leggenda, ormai smentita, che richiama l’impossibilità del bombo di volare ma non sapendolo lo fa ugualmente, questo esempio mi piace per ricordare che spessissimo i nostri limiti ce li imponiamo noi stessi.
Visto il rapporto peso e dimensioni delle ali per anni infatti la scienza ha cercato di dimostrare l’impossibilità fisica del bombo di volare ma nei primi anni del 21° secolo diversi studi concordarono che il movimento delle ali del bombo è estremamente complesso e comporta la torsione e l’oscillazione delle ali che unito ad una velocità di movimento delle ali più elevata del colibrì gli consente scientificamente di volare, quindi il mistero sarà anche svanito ma la bellezza e positività della leggenda preferisco ricordarla!

I BoM BoM di Fiori, o Seeds Bombs, hanno un’origine antica quasi come la società umana. Le prime tracce risalgono all’Antico Egitto, dove venivano usate per seminare dopo le inondazioni del Nilo. Il corrispettivo giapponese, le tsuchi dango, nasce dalle sperimentazioni del botanico e filosofo giapponese Masanobu Fukuoka sulle tecniche di agricoltura naturale. In seguito sono state utilizzate nelle battaglie verdi di guerrilla gardening, cioè nel lancio di “bombe di semi” su terreni incolti. L’obiettivo è far nascere fiori, propagando la biodiversità nelle aree urbane degradate o abbandonate a se stesse, negli anni ’70 infatti venivano lanciate da pacifici attivisti ecologici per combattere il grigiore della città.

I “Bom Bom di Fiori” non si debbono interrare, basta posarle nel luogo prescelto. L’elemento distintivo di questa pratica è che l’acqua e il sole faranno il resto: l’argilla si scioglierà, i semi germineranno ed in men che non si dica avremo una fioritura di piante spontanee. I germogli cominceranno a vedersi dopo 2-6 settimane e una regolare innaffiatura, o il meteo favorevole, farà crescere più rapidamente le piantine.


Per evitare di introdurre semi che svilupperanno piante inadatte o infestanti ho scelto di procurami semi certificati possibilmente autoctoni, biologici e di provenienza sicura.
Ringrazio quindi di cuore il “Muse” – Museo delle scienze di Trento che mi ha gentilmente fornito un miscela denominata “Prato Fiorito Autoctono” contenente semi di Fiordaliso, Camomilla, Viola, Papavero.
Un ringraziamento altrettanto speciale va a “NaturaSì” che mi ha regalato una selezione appositamente studiata per richiamare le api mellifere e selvatiche contenente semi biologici certificati di Aneto, Calendula, Facelia, Fiordaliso e Grano Saraceno.

Procedimento


E adesso passiamo al procedimento vero e proprio, dopo vari esperimenti sono arrivata a questo dosaggio che reputo ottimale:

  1. 10 parti di Terra Biologica
  2. 5 parti di Argilla
  3. 4 parti di Acqua
  4. 1 parte di Semi


Mescolare tutto insieme in un contenitore e un cucchiaio alla volta formare con le mani delle palline della dimensione desiderata.


Per conservarle correttamente ed evitare umidità e la formazione di muffe la soluzione migliore è riporli e conservarli in un contenitore riciclato delle uova di cartoncino.

Laboratori di Bom Bom di semi

Il primo laboratorio dedicato a questa pratica si è svolto durante le Feste Vigiliane in occasione della Camminata del BenEssere con lancio di “Canederlotti di Fiori” creati per realizzare insieme ai partecipanti l’aiuola Biodiversa delle Feste Vigiliane che si trova all’ingresso dell’Auditorium Santa Chiara di Trento.


Per chi fosse interessato a realizzare un laboratorio ludico, didattico o ricreativo per una scuola, un’associazione, un Ente o altro non esiti a contattarmi (+39 349 3201757); sarà solo un piacere poter collaborare alla realizzazione e alla diffusione di buone pratiche sostenibili.


Vuoi partecipare al primo Laboratorio di BoM BoM di Fiori Fa’la Cosa Giusta Trento?
Ti aspettiamo il 14 Agosto alle 10.30 a Brentonico a “Baldo Bio & Benessere” per partecipare al laboratorio di realizzazione dei “BoM BoM di Fiori” per Fare Insieme la Cosa Giusta e nel pomeriggio, per chi lo desidera, si potrà già iniziare a lanciare bellezza e fiori durante il Trekking Solidale alla scoperta delle realtà produttive solidali di Brentonico, vi aspettiamo!

Potrebbe interessarti anche…

Cestino portatutto

di OrloSubito

Con il laboratorio di OrloSubito di oggi puoi imparare come costruire un cestino portatutto con dei vecchi jeans.

DIYHandcraftRiciclo

Autoproduco.it

di Redazione

Elisa Nicoli del sito autoproduco.it ci offre per il nostro appuntamento del mercoledì alcune proposte di autoproduzione di saponi e detersivi.

DIYHandcraftQuarantenaRiciclo
decorazioni natalizie

Decorazioni natalizie

di Redazione

“Decorare il Natale con l’anima…della carta igienica!”. Un tutorial per riciclare gli scarti e creare delle decorazioni per pacchi regalo, biglietti di auguri o per impreziosire il tuo albero.

DIYHandcraft