Logo Fà la cosa giusta Trento

Un master sulla cittadinanza ecologica

Le Università di Trento, Verona e Parma presentano l’unico master in italiano dove studiare i diversi saperi e conoscenze necessarie per la transizione ecologica.

Una centrale elettrica a carbone in lontananza emana un grande fumo bianco che sale verso il cielo
Centrale elettrica a carbone.. Foto di: S. Hermann & F. Richter da Pixabay

“La transizione ecologica è il passaggio da questo mondo in crisi a uno più sostenibile, sociale ed umano. Servono competenze, abilità e strumenti adeguati alla complessità della situazione”, annuncia la Prof.ssa Antonia De Vita, direttrice del primo master in italiano sul tema, promosso dalle Università di Trento, Verona e Parma.

“O il mondo va definitivamente a rotoli, o il lavoro di domani si baserà su questi nuovi pensieri interdisciplinari: tecnologici, economici, scientifici e umanistici. Quindi occorre adesso studiare le nuove invenzioni, i nuovi stili di vita, i nuovi modelli economici per progettare in modo adeguato i processi di lavoro, produzione e organizzazione, in grado di tutelare l’ambiente e le vite sul pianeta. È quello che offre questo master”, spiega.

Il master ha come titolo Saperi in Transizione. Strumenti e pratiche per una cittadinanza ecologica e globale”ed è inter-universitario di primo livello. Quindi ci si può iscrivere avendo al minimo una laurea triennale o un titolo estero equivalente.

Strutturato in 5 moduli, il piano didattico prevede le seguenti materie: Premesse epistemologiche della transizione ecologica; Educazione e formazione alla sostenibilità, Territori, istituzioni e comunità sostenibili; Lavoro, produzione e consumo verso nuovi modelli ecosociali e Progettare e rendere praticabile la transizione.

Le lezioni si terranno negli spazi del Monastero del bene comune a Sezano, in provincia di Verona, il venerdì e il sabato. Le 1.500 ore di lavoro sono suddivise in 240 di didattica (160 in sede e 80 online) e 12 di didattica outdoor con visite aziendali. Previsti inoltre seminari, convegni, testimonianze di esperti e workshop. Il costo del master è di 2.600 euro, suddivisi in due rate, e sono previste tre borse di studio a copertura totale. I corsi sono in italiano e a numero chiuso (massimo 25 iscritti).

Gli organizzatori garantiscono che le competenze acquisite e il titolo di master in “Saperi in Transizione” saranno utilizzabili, come previsto dai documenti ufficiali governativi ed europei, per:

– Formare esperti per la formazione e la progettazione sociale di ambienti sostenibili e di cittadinanza globale attiva anche attraverso la metodologia dell’attivazione di comunità;

– Formare esperti in progettazione e co-progettazione sociale, in promozione culturale ed educativa, che potranno essere impiegati in servizi pubblici e privati, locali, territoriali e internazionali;

– Formare professionisti per la consulenza e la progettazione sociale in realtà e istituzioni orientate a ripensare i servizi nella prospettiva della sostenibilità;

– Formare professionisti esperti di autosviluppo, attivazione di processi di educazione informale e pratiche sociali “dal basso”, nella prospettiva della cittadinanza ecologica e globale.

Le iscrizioni scadono il 13 novembre 2020 (in proroga al 13/12/2020). I candidati devono inviare la domanda di ammissione seguendo le modalità indicate sul sito.

Potrebbe interessarti anche…

Una legge per ecovillaggi, cohousing e comunità intenzionali

di Cristina Diana Bargu

Una rete di associazioni ha presentato una proposta di legge per introdurre un testo che inquadri e sostenga dal punto di vista normativo forme di vita comunitaria oggi sempre più diffuse e importanti.

giovaniprogettoservizio civile

“Attenzione ai terreni inquinati dell’ex Sloi…”

di Marianna Malpaga

Sabato 15 gennaio, in Piazza Generale Cantore a Trento, il gruppo di cittadini contrari al progetto del bypass ferroviario si è incontrato per discutere di un problema specifico: le aree inquinate dell’ex Sloi. Non si è parlato solo del progetto attuale, ma anche della storia dello stabilimento, distrutto da un incendio nel luglio 1978

circonvallazione ferroviariaex sloiinquinamento

AAA cercasi soci per Edera, l’emporio di comunità di Trento

di Marianna Malpaga

Si è conclusa la prima fase del progetto per la costruzione di Edera, l’emporio di comunità che nascerà a Trento nel 2022. Ora i promotori dell’iniziativa cercano nuovi soci e socie per raggiungere quota 250.

ederaemporio di comunitàsoci

Hai bisogno di informazioni?