Logo Fà la cosa giusta Trento

Un master sulla cittadinanza ecologica

Le Università di Trento, Verona e Parma presentano l’unico master in italiano dove studiare i diversi saperi e conoscenze necessarie per la transizione ecologica.

Una centrale elettrica a carbone in lontananza emana un grande fumo bianco che sale verso il cielo
Centrale elettrica a carbone.. Foto di: S. Hermann & F. Richter da Pixabay

“La transizione ecologica è il passaggio da questo mondo in crisi a uno più sostenibile, sociale ed umano. Servono competenze, abilità e strumenti adeguati alla complessità della situazione”, annuncia la Prof.ssa Antonia De Vita, direttrice del primo master in italiano sul tema, promosso dalle Università di Trento, Verona e Parma.

“O il mondo va definitivamente a rotoli, o il lavoro di domani si baserà su questi nuovi pensieri interdisciplinari: tecnologici, economici, scientifici e umanistici. Quindi occorre adesso studiare le nuove invenzioni, i nuovi stili di vita, i nuovi modelli economici per progettare in modo adeguato i processi di lavoro, produzione e organizzazione, in grado di tutelare l’ambiente e le vite sul pianeta. È quello che offre questo master”, spiega.

Il master ha come titolo Saperi in Transizione. Strumenti e pratiche per una cittadinanza ecologica e globale”ed è inter-universitario di primo livello. Quindi ci si può iscrivere avendo al minimo una laurea triennale o un titolo estero equivalente.

Strutturato in 5 moduli, il piano didattico prevede le seguenti materie: Premesse epistemologiche della transizione ecologica; Educazione e formazione alla sostenibilità, Territori, istituzioni e comunità sostenibili; Lavoro, produzione e consumo verso nuovi modelli ecosociali e Progettare e rendere praticabile la transizione.

Le lezioni si terranno negli spazi del Monastero del bene comune a Sezano, in provincia di Verona, il venerdì e il sabato. Le 1.500 ore di lavoro sono suddivise in 240 di didattica (160 in sede e 80 online) e 12 di didattica outdoor con visite aziendali. Previsti inoltre seminari, convegni, testimonianze di esperti e workshop. Il costo del master è di 2.600 euro, suddivisi in due rate, e sono previste tre borse di studio a copertura totale. I corsi sono in italiano e a numero chiuso (massimo 25 iscritti).

Gli organizzatori garantiscono che le competenze acquisite e il titolo di master in “Saperi in Transizione” saranno utilizzabili, come previsto dai documenti ufficiali governativi ed europei, per:

– Formare esperti per la formazione e la progettazione sociale di ambienti sostenibili e di cittadinanza globale attiva anche attraverso la metodologia dell’attivazione di comunità;

– Formare esperti in progettazione e co-progettazione sociale, in promozione culturale ed educativa, che potranno essere impiegati in servizi pubblici e privati, locali, territoriali e internazionali;

– Formare professionisti per la consulenza e la progettazione sociale in realtà e istituzioni orientate a ripensare i servizi nella prospettiva della sostenibilità;

– Formare professionisti esperti di autosviluppo, attivazione di processi di educazione informale e pratiche sociali “dal basso”, nella prospettiva della cittadinanza ecologica e globale.

Le iscrizioni scadono il 13 novembre 2020 (in proroga al 13/12/2020). I candidati devono inviare la domanda di ammissione seguendo le modalità indicate sul sito.

Potrebbe interessarti anche…

Turismo in Valsugana. Quale futuro?

di Mattia Voltolini

Il territorio della Valsugana è una delle poche località al mondo ad aver ottenuto il certificato di “Destinazione Sostenibile” riconosciuto globalmente. Ma cosa significa e quali implicazioni ha per il turismo della valle? Ne parla Denis Pasqualin, direttore dell’APT Valsugana e Lagorai, intervistato dai ragazzi del progetto “Giornalismo di Comunità”.

Agenzia Stampa GiovanileBorgo Valsuganaturismo

Fashion Revolution Week

di Redazione

L’industria della moda per come è pensata oggi è insostenibile a livello ambientale e sociale. I consumatori possono e devono agire, secondo Fashion Revolution, in occasione della settimana istituita in ricordo delle vittime del crollo di Rana Plaza.

consumatorifashion revolutionmoda

Green Storytellers in Vigolana: storie di coraggio

di Redazione

Ultima tappa del progetto “Solidarietà in Cammino” realizzato da Solidarietà in Vigolana in collaborazione con l’Associazione L’Ortazzo e l’Ecosportello Fa’ la cosa giusta!Trento.

greenstorytellerssolidarietàvigolana

Hai bisogno di informazioni?