Logo Fà la cosa giusta Trento

Una nuova scuola sconfinata

Sperimentare comunità educative, patti territoriali e co-progettazione sono tra le proposte per una necessaria rivoluzione educativa, come suggerito dalle molteplici mani che hanno contributo alla stesura di “Scuola Sconfinata”.

“A inizio della pandemia abbiamo creduto che fosse finalmente giunta l’occasione per una trasformazione dei modi di fare scuola, sul piano della didattica, degli spazi, delle relazioni e dei linguaggi. Invece nulla sembra essere cambiato.” Una serie di proposte nate dal movimento “E tu da che parte stai?” si è consolidata nella recente pubblicazione “Scuole sconfinate. Proposta per una rivoluzione educativa” (2021), edito dalla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. Insegnanti, dirigenti, educatrici, architetti, urbaniste, filosofi, pedagogiste, psicologhe, attiviste, medici si sono messi in viaggio per immaginare una scuola possibile e necessaria: una scuola che rimetta al centro il diritto di tutte e di tutti a essere e a crescere felici, una scuola che torni a essere bene comune, sconfinando e tracimando per fare delle città, dei paesi, dei diversi contesti di vita dei luoghi significativi e inclusivi di apprendimento. Il libro può essere scaricato gratuitamente qui. Potete anche tenervi aggiornati seguendoli su Facebook.

La copertina del libro per una rivoluzione educativa.

Tra le mani che hanno contribuito alla stesura, anche quelle di Paulo Lima, giornalista, Fellow Ashoka e imprenditore sociale con Viração&Jangada, associazione che partecipa al progetto collaborativo Ecosportello Fa’ la cosa giusta! Trento. Passaggio al digitale, cittadinanza attiva, educomunicazione sono tra i temi di cui ha discusso con gli altri autori. Ma “Scuole sconfinate” approfondisce tutte le sfide che la scuola deve affrontare oggi, che spiccano per la loro emergenza a più di un anno dall’inizio dell’inizio della crisi sanitaria e che, avendo impattato sui processi educativi, deve rappresentare l’occasione per spingerci a ripensarli. Nel libro si parla quindi anche di necessarie collaborazioni tra pubblico e privato, tra scuola e territorio, all’interno di cambiamenti di paradigma nell’insegnamento e sfide globali, come quelle portate avanti dai movimenti sociali e per l’emergenza climatica.

 

Potrebbe interessarti anche…

Tukiki per prenderci cura di noi stessi e dell’ambiente

di Redazione

Quinto appuntamento di Fa’ la spesa giusta in programma mercoledì 13 aprile ad ore 20.30. Trento Consumo Consapevole e Fa’ la cosa giusta! Trento vi presentano Tukiki, realtà trentina di cosmesi sostenibile. Vi aspettiamo per ascoltare Elisa Zancanella.

cosmesi solidaecofriendlyfa la spesa giustaTrento Consumo Consapevoletukiki

“Crisi” climatica o “cambiamento”?

di Viola Ducati

Quando si parla di cambiamento climatico, alzare i toni non basta. Per spingere le persone ad agire servono messaggi concreti, pragmatici e propositivi. Lo conferma un recente studio statunitense.

cambiamento climaticocrisi climaticastudio

Nuovo laboratorio: gel ai semi di lino

di Redazione

Ecco il prodotto ideale per i vostri capelli. Gel facile da preparare, nutriente e sostenibile. Giulia De Paoli ci racconta come ha scoperto il gel e come sono cambiati i suoi capelli dopo l'uso.

curadellapersonagelsemidilinoNuovo Laboratorio

Hai bisogno di informazioni?