Logo Fà la cosa giusta Trento

Una nuova scuola sconfinata

Sperimentare comunità educative, patti territoriali e co-progettazione sono tra le proposte per una necessaria rivoluzione educativa, come suggerito dalle molteplici mani che hanno contributo alla stesura di “Scuola Sconfinata”.

“A inizio della pandemia abbiamo creduto che fosse finalmente giunta l’occasione per una trasformazione dei modi di fare scuola, sul piano della didattica, degli spazi, delle relazioni e dei linguaggi. Invece nulla sembra essere cambiato.” Una serie di proposte nate dal movimento “E tu da che parte stai?” si è consolidata nella recente pubblicazione “Scuole sconfinate. Proposta per una rivoluzione educativa” (2021), edito dalla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. Insegnanti, dirigenti, educatrici, architetti, urbaniste, filosofi, pedagogiste, psicologhe, attiviste, medici si sono messi in viaggio per immaginare una scuola possibile e necessaria: una scuola che rimetta al centro il diritto di tutte e di tutti a essere e a crescere felici, una scuola che torni a essere bene comune, sconfinando e tracimando per fare delle città, dei paesi, dei diversi contesti di vita dei luoghi significativi e inclusivi di apprendimento. Il libro può essere scaricato gratuitamente qui. Potete anche tenervi aggiornati seguendoli su Facebook.

La copertina del libro per una rivoluzione educativa.

Tra le mani che hanno contribuito alla stesura, anche quelle di Paulo Lima, giornalista, Fellow Ashoka e imprenditore sociale con Viração&Jangada, associazione che partecipa al progetto collaborativo Ecosportello Fa’ la cosa giusta! Trento. Passaggio al digitale, cittadinanza attiva, educomunicazione sono tra i temi di cui ha discusso con gli altri autori. Ma “Scuole sconfinate” approfondisce tutte le sfide che la scuola deve affrontare oggi, che spiccano per la loro emergenza a più di un anno dall’inizio dell’inizio della crisi sanitaria e che, avendo impattato sui processi educativi, deve rappresentare l’occasione per spingerci a ripensarli. Nel libro si parla quindi anche di necessarie collaborazioni tra pubblico e privato, tra scuola e territorio, all’interno di cambiamenti di paradigma nell’insegnamento e sfide globali, come quelle portate avanti dai movimenti sociali e per l’emergenza climatica.

 

Potrebbe interessarti anche…

L’educazione ambientale dell’Istituto comprensivo di Borgo Valsugana

di Angela Nardelli

Grazie al progetto “Giornalismo di comunità” di Borgo Valsugana due giovani partecipanti hanno prodotto una video-intervista in cui viene affrontato il tema della responsabilità che ha la scuola d’oggi nella formazione dei bambini verso una sostenibilità ambientale.

Agenzia Stampa GiovanileBorgo Valsuganaeducazione ambientale

#RiciclArte, il contest sul riciclo creativo delle Acli Trentine

di Redazione

Il termine è il 25 febbraio per la presentazione di un manufatto realizzato con materiale di riciclo. Il contest è promosso dalle Acli Trentine a cui si deve inviare la foto dell’opera per la valutazione finale della giuria.

contestriciclarte

Beldopiano, 1000 piantine di Vaia fanno comunità

di Redazione

Domenica 24 aprile a Beldopiano, Piné, un gruppo di persone si è riunito per l’evento organizzato dalla start up Vaia in collaborazione con il Festival Co.Scienza: sono state piantate mille piante di abete rosso. Prima però c’è stato un momento di approfondimento assieme alla professoressa di fisica dell’atmosfera Simona Bordoni e all’attivista Giorgio Brizio.

Fridays for FutureGiorgio BriziopiantumazionePinéSimona BordoniVAIA

Hai bisogno di informazioni?