Logo Fà la cosa giusta Trento

Consigli per avvicinarsi alle tematiche ambientali

Tap Revolution ci regala consigli di libri, film, musica e non solo scoprire di più sul cambiamento climatico e sentirci più vicini all'ambiente.

Nel corso degli ultimi anni si è assistito e si sta continuando ad assistere ad una crescita della consapevolezza e dell’interesse per quanto riguarda le questioni ambientali, indipendentemente dal fatto che si parli di gas serra, innalzamento del livello delle acque, consumo responsabile, inquinamento da plastica o altre importanti tematiche legate all’ambiente.

Molti studi e statistiche rivelano che la preoccupazione per l’ambiente è un argomento che unisce persone provenienti da parti diverse del mondo così come persone aventi background completamente differenti, età e livelli di educazione distinti, ecc. Il numero di ricerche su Google che riguardano argomenti relativi alla conservazione è aumentato la popolarità di personaggi come Greta Thunberg e di movimenti come #Fridaysforfuture testimoniano questa tendenza globale. A livello nazionale, sono soprattutto i giovani a mostrare particolare sensibilità verso le tematiche ambientali, come dimostrato dall’indagine condotta dall’Osservatorio giovani dell’Istituto Giuseppe Toniolo e riportato da Greenreport.it.

Risulta quindi interessante andare ad indagare cosa o chi ha generato nei giovani questo interesse verso la protezione dell’ambiente, quali sono state le loro ispirazioni, i loro modelli di comportamento. Per questo il team del progetto locale “Tap Revolution: a simple solution to plastic pollution” ha chiesto ai giovani che hanno partecipato al percorso di formazione del progetto di condividere le risorse che li hanno ispirati e che potrebbero essere a loro volta d’ispirazione per altre persone. Ecco quindi di seguito le risorse (libri, film, documentari, canzoni, poesie, artisti,…) da loro condivise.

  • “Let my people go surfing. La filosofia di un imprenditore ribelle” : la biografia del fondatore di Patagonia, Yvon Chouinard;
  • “La punta dell’iceberg – 2050”: canzone del 2017 degli Eugenio in Via di Gioia, il cui testo parla di come il mondo potrebbe essere nel 2050;
  • La canzone circolare”: brano di Elio e le Storie Tese che racconta in musica l’economia del futuro, quella circolare, dove quello che fino a ieri veniva considerato un rifiuto può diventare nuovamente materia prima e tornare nel circuito produttivo;
  • “David Attenborough: A Life on Our Planet”: documentario del conduttore in cui racconta la sua vita e la storia evoluzionistica della vita sulla Terra, soffrendo per la scomparsa di aree selvagge e proponendo prospettive per il futuro;
  • Olafur Eliasson: artista danese noto per aver esposto alla Tate Modern di Londra la sua installazione The Weather Project nel 2003;
  • “LIFE WITHOUT PLASTIC: The Practical Step-by-Step Guide to Avoiding Plastic to Keep Your Family and the Planet Healthy”: guida pratica, ideata da Chantal Plamondon e Jay Sinha, su come non consumare plastica nella vita di tutti giorni;
  • “Come è profondo il mare”: canzone di Lucio Dalla del 1977, tratto dall’omonimo album;
  • “Furore (The Grapes of Wrath)”: romanzo del Premio Nobel per la letteratura John Steinbeck, simbolo della grande depressione americana degli anni ‘30;
  • “Plastic pollution, our toilets and us”: Ted Talk di Natalie Fee, fondatrice di City to Sea (www.citytosea.org.uk), un’organizzazione non-profit impegnata in campagne contro l’inquinamento da plastica, come ad esempio Refill Italia, iniziativa sostenuta a livello locale dal progetto Tap Revolution. Il discorso è disponibile a questo link: https://www.ted.com/talks/natalie_fee_plastic_pollution_our_toilets_and_us
  • “Vestire buono, pulito e giusto. Per tornare a una moda sostenibile”: libro di Dario Casalini sulla slow fashion, tema di grande attualità;
  • “Minimalism: a Documentary about the important things”: documentario realizzato da Joshua Fields Millburn e Ryan Nicodemus, che sottolinea le virtù del minimalismo tramite interviste a persone che rifiutano l’ideale americano del consumismo come fonte di felicità. La citazione che è stata maggiormente d’ispirazione é: “LOVE people and USE things, not the contrary” (ama le persone e usa le cose, non il contrario);
  • “Trash: tutto quello che dovreste sapere sui rifiuti”: libro di Piero Martin e Alessandra Viola;
  • “Global Warming”, “Flying Whales”, Another World”, “Silvera“: canzoni del gruppo musicale Gojira;
  • “Possiamo salvare il mondo, prima di cena: Perché il clima siamo noi”: libro di Jonathan Safran Foer che tratta il tema dell’emergenza climatica
  • “Le guerre dell’acqua”: libro scritto dall’attivista e ambientalista indiana Vandana Shiva:
  • “È facile diventare un po’ più vegano”: libro della dottoressa Silvia Goggi, che analizza lo stile di vita vegano
  • “Eppure Soffia”: brano del 1975 di Pierangelo Bertoli, da ascoltare a questo link:  https://www.youtube.com/watch?v=hOxLD7Eb9h4

Potrebbe interessarti anche…

Consumismo. Una riflessione sulle nostre abitudini

di Remedios Torrico Alcudia

A volte non hai proprio bisogno di fare nuovi acquisti, ti basta prendere del tempo per capire che non sono necessari.

consumismoconsumopartner

Gli effetti del riscaldamento globale su scala “Everest”

di Laura Marino

Un team scientifico ha riportato dati sul cambiamento del ghiacciaio più alto nella catena montuosa dell'Himalaya e la maggior parte dei cambiamenti sono causati dal riscaldamento globale.

cambiamento climaticomontagnastudi scientifici

Laboratorio: gnocchi di patate viola

di Redazione

Fai la cosa giusta con le tue mani! Impasta questi gnocchi di un colore alternativo secondo la ricetta dell'Azienda agricola Maso Flonkeri.

cucinagnocchiNuovo Laboratorio

Hai bisogno di informazioni?