Logo Fà la cosa giusta Trento

L’economia solidale trentina raccontata da Stampa Giovanile

L’economia solidale trentina ha assunto un ruolo protagonista nella prima Summer School di Agenzia di Stampa Giovanile. Trenta giovani tra i quindici e i trent’anni hanno avuto l’opportunità di conoscere da vicino cinque realtà del territorio legate saldamente al rispetto e alla cura del nostro pianeta.

Foto di Michele Lotti.

Promuovere tra i giovani la consapevolezza sulla crisi climatica e sull’economia solidale è fondamentale affinché le nuove generazioni possano apprendere come vivere in sintonia con l’ambiente che li circonda. Questo è stato lo scopo della prima Summer School di Agenzia di Stampa Giovanile: progetto promosso dall’associazione Viração&Jangada e co-finanziato dal Piano Giovani di Zona Trento Arcimaga 2021.

Il progetto è nato con l’obiettivo di utilizzare il giornalismo partecipativo per infondere tra i partecipanti l’importanza di una corretta comunicazione della questione ambientale. Per questo motivo tra il 28 giugno e il 2 luglio 2021 sono stati organizzati cinque incontri di formazione, suddivisi in sessioni “tematiche” e “laboratoriali”. I temi scelti – cambiamenti climatici, mobilità sostenibile, alimentazione sostenibile, sport e turismo sostenibili – sono stati approfonditi con l’aiuto di esperti, tra cui Roberto Barbiero, climatologo e divulgatore scientifico, Jacopo Nespolo di FIAB, Filippo Caon, ultrarunner e fondatore di The Outdoor Manifesto, e Laura Endrighi, psicologa esperta nell’educazione alimentare.

Uno sguardo più attento su ogni tematica ha aiutato i partecipanti ad acquisire gli strumenti giusti per intraprendere con maggior consapevolezza i laboratori di fotografia, comunicazione sui social e video-editing, guidati rispettivamente dal fotografo e docente Michele Lotti, dal digital developer Omar Folgheraiter, dalla social media manager Giulia Ficicchia e dal cineasta Fabio Mosca.

Il filo conduttore della Summer School è stata però l’economia solidale trentina, punto di riferimento per ogni laboratorio. Lo scopo dei gruppi di lavoro è stato proprio quello di raccontare attraverso fotografie, storie e video-racconti – contenuti pubblicati poi sui social di Agenzia di Stampa Giovanile – cinque realtà trentine impegnate nel loro piccolo nella lotta contro i cambiamenti climatici:

Black Sheep Raw

La pasticceria Black Sheep è nata nel 2016 con lo scopo di produrre dolci bio, raw e vegani. A inizio anno è stato aperto un laboratorio nel centro di Trento, e proprio qui un gruppo di reporters della Summer School ha lavorato per cercare di comunicare la missione della pasticceria, i suoi valori e la sua storia. Ne sono nati un carosello e una video-intervista.

Associazione culturale El Costurero

L’associazione nasce a Trento nel 2015 per promuovere e valorizzare il riutilizzo di materiali. Lo fa attraverso workshop di sartoria sovversiva, swap party, laboratori di cucito. L’obiettivo è infatti quello di sensibilizzare la clientela verso un consumo di capi più consapevole. La storia di Sandra Toro, presidentessa dell’associazione, è stata raccontata attraverso dieci fotografie, confluite in un post.

Mandacarù

Anche la bottega Mandacarù in Piazza Fiera a Trento è stata visitata da un gruppo di cinque partecipanti. I giovani hanno voluto raccontare l’attenzione all’ambiente e soprattutto ai diritti umani che la onlus porta avanti dal 1989. La promozione di un commercio equo-solidale è prerogativa essenziale della nostra società, e Mandacarù attraverso la vendita di prodotti ecologici locali ed esteri riesce a portarla avanti e farla conoscere soprattutto alle nuove generazioni.

Biocesta del gusto

Attraverso una selezione stagionale di prodotti biologici a km0, i punti vendita di Biocesta offrono la possibilità di sostenere un’alimentazione sostenibile, per noi e per il pianeta. Lo hanno compreso molto bene i reporters che si sono recati in Via Milano a Trento per realizzare una copertura fotografica e giornalistica.

Artelier- Cooperativa Sociale Samuele

Il negozio della Cooperativa Samuele offre prodotti sostenibili dal punto di vista ambientale, economico e soprattutto sociale. Una realtà perfetta per essere raccontata dai partecipanti della Summer School! Il laboratorio infatti offre oggetti in cuoio e in pelle di recupero, materie prime provenienti da scarti di aziende e concerie naturali.

Attraverso l’esercizio di comunicazione, le ragazze e i ragazzi partecipanti hanno potuto sviluppare il loro pensiero critico, migliorare le conoscenze sui temi della sostenibilità ambientale e dei cambiamenti climatici, ma soprattutto attivarsi sul territorio trentino per promuovere iniziative di sensibilizzazione della comunità riguardo l’economia solidale trentina.


Potrebbe interessarti anche…

Cos’è l’economia circolare?

di Silvia Pedrazzoli

Il nuovo macrotema della campagna Vivila in 3D è il riuso. Per questo hanno scelto di approfondire il passaggio da rifiuto a risorsa sostenuto all'interno dei progetti di economia circolare.

Riciclorifiutitaprevolutiontrentino

L’interramento della ferrovia di Trento

di Elisabetta Chiesa

Abbiamo partecipato all’incontro del comitato che si è esposto al Comune per avanzare delle richieste di coinvolgimento della cittadinanza per quanto riguarda il progetto di una circonvallazione e dell’interramento della linea ferroviaria di Trento.

Trento

Evento online: Bilatalk con Warfree

di Redazione

Ripudio della guerra, rispetto del lavoro e dell'ambiente, consapevolezza, sviluppo, progresso, prodotto, qualità e solidarietà sono tra i valori di Warfree, per promuovere cibo e turismo senza guerra e non solo.

eticaeventosolidale

Hai bisogno di informazioni?