Logo Fà la cosa giusta Trento

Fotografie solidali

Abbiamo intervistato Giulio di Meo, fotografo sociale che recentemente ha avviato una campagna a sostegno delle azioni solidali alle famiglie del Movimento dei lavoratori rurali Senza Terra (MST) in Brasile.

Plantar Solidariedade, Colher Resistência!” è una campagna di solidarietà per sostenere le azioni solidali messe in atto dal Movimento dei lavoratori rurali Senza Terra (MST) per aiutare persone e famiglie brasiliane in un momento di grande difficoltà. 

Tra le attività di sostegno alla campagna rientra anche la promozione del libro “Sem terra. 30 anni di storia, 30 anni di volti”, che raccoglie le fotografie di Giulio Di Meo. Di Meo è un fotografo italiano impegnato da quasi vent’anni nell’ambito del reportage e della didattica. È presidente dell’associazione Witness Journal e photo editor dell’omonima rivista di fotogiornalismo WJ. Collabora con diverse associazioni e ONG, in particolar modo con l’Arci, con la quale dal 2007 organizza workshop di fotografia sociale in diverse realtà del Sud del mondo (Brasile, Cuba, Saharawi). Organizza anche incontri e workshop di reportage e di street photography, in Italia e all’estero, e laboratori per bambini, adolescenti, immigrati e disabili per promuovere la fotografia come strumento di espressione e integrazione. Il calendario dei prossimi corsi lo trovi qui: https://www.giuliodimeo.it/home/corsi/.

Lo abbiamo intervistato per sapere di più sulla campagna “Plantar Solidariedade, Colher Resistência!” e per diffondere il sostegno al Movimento dei lavoratori rurali Senza Terra (MST).

Il fotografo Giulio Di Meo. Foto dal suo sito.

“La macchina fotografica è il mio strumento di lotta, il mio arnese d’amore” si legge sul tuo sito. In che cosa consiste il tuo percorso di “fotografo sociale”? 

Ognuno lotta a suo modo e con mezzi diversi, io provo a farlo con lo strumento fotografico.

Credo nello strumento fotografia per raccontare, informare, sensibilizzare, denunciare. Questi dovrebbero essere gli obiettivi di un buon reporter. Ma credo, allo stesso tempo, che questo non basti più. È sempre più complicato informare, è sempre più difficile sensibilizzare, per questo credo che non possiamo più limitarci a questo e che sia diventato necessario anche agire nel concreto. Sapere che le mie fotografie, oltre a poter raccontare o informare, possono diventare strumento di azioni concrete, le rende maggiormente utili. Sapere che una semplice fotografia può garantire un pasto, una spesa, un libro, un percorso di istruzione a chi ne ha bisogno, la rende maggiormente sociale. Questa è la mia idea di fotografia sociale, una fotografia che racconta e al tempo stesso agisce nelle realtà che documenta.

In occasione del sesto congresso Nazionale del MST, hai scattato dei ritratti che hai raccolto nel libro “Sem terra. 30 anni di storia, 30 anni di volti.” Com’è nato il libro? 

Il libro “Sem Terra: 30 anni di storia, 30 anni di volti”, pubblicato nell’ottobre 2014, è nato quasi per caso. Dal 2007 porto avanti un progetto fotografico sul Movimento, su chi sono e cosa fanno. Nel febbraio 2014 sono stato invitato come ospite al loro VI Congresso del MST, durante il quale un po’ per gioco, un po’ perché mi affascinava l’idea di ritrarre facce e storie che arrivavano da tanti stati del Brasile, ho realizzato circa 400 ritratti di sem terra. L’idea e le foto sono molto piaciute al MST e alle associazioni italiane che appoggiano il Movimento…così è nata l’idea di realizzare un libro con queste foto. Il libro è stato pubblicato sia in Italia che in Brasile, e tutti i ricavi dell’edizione italiana sono stati donati alla Scuola Nazionale Florestan Fernandes. Nel 2015 abbiamo donato 2000 euro per la scuola per aiutare e sostenere qualche ragazz* nel percorso di formazione.

Perché hai scelto i volti per ritrarre il MST? Cosa raccontano del movimento? 

Come ben scritto da João Pedro Stedile nella prefazione del libro, le foto raccontano cos’è il MST: volti e nomi, espressioni di lotta e di allegria, la loro esperienza e la loro speranza. Attraverso questi volti si può vedere da chi è formato il MST: uomini e donne, anziani e bambini, contadini e intellettuali, attivisti e studenti. Alcuni vivono il Brasile, altri in America Latina e in Europa, il MST ha militanti in tutti i continenti.

Un mese fa hai lanciato la campagna “Plantar Solidariedade, Colher Resistência!” per sostenere nuovamente il MST – Movimento dos Trabalhadores Sem Terra. Perché hai dato vita a questa campagna? 

Il Brasile da diversi mesi vive una condizione sanitaria ed economica molto, molto complicata.

Più di 550.000 morti e quasi 20 milioni di casi. Una situazione disastrosa dovuta anche alle politiche fallimentari e negazioniste adottate dal presidente Jair Bolsonaro e dal suo governo.

In questa situazione di estrema gravità, il Movimento Sem Terra (MST) ha dato vita alla campagna “Plantar Solidariedade, Colher Resistência!” (Piantare solidarietà, raccogliere resistenza) per aiutare le persone e le famiglie più in difficoltà. Una grande azione di mutuo sostegno che ha permesso, nel solo 2020, di coltivare e donare oltre 4.000 tonnellate di alimenti e 700.000 cestini per il pranzo.

Il MST continua a seminare “solidarietà umana”, intesa soprattutto come azione concreta, condividendo cibo e pane, prodotti negli insediamenti e nelle cooperative Sem Terra, attraverso un’agricoltura sostenibile e rispettosa dell’ambiente. In quest’ottica di concretezza e solidarietà abbiamo lanciato la campagna “Plantar a solidariedade”, sostenuta da diverse realtà italiane (Comitato Amig@s MST-Italia, Arci Bologna, Làbas, Witness Journal, Ya Basta Bologna). Attraverso incontri, mostre, vendite di foto e del libro “Sem Terra: 30 anni di volti” stiamo cercando di raccogliere fondi che saranno devoluti al MST per sostenere le iniziative solidali che portano avanti. La prima iniziativa di raccolta fondi è stata la rassegna “Reportage in cortile“, una serie di incontri e proiezioni con fotografi tenuti a giugno e luglio a Bologna. Durante le cinque serate sono stati raccolti i primi 500 euro che presto verranno donati al Movimento Sem Terra.

Come si può sostenere la campagna “Plantar Solidariedade, Colher Resistência!” e quali altre iniziative saranno organizzate per diffonderla? 

La campagna “Plantar Solidariedade, Colher Resistência!” sarà attiva fino a fine anno. In autunno saranno organizzati altri incontri ed eventi con fotografi a Bologna e in altre città per sostenerla. Chi vuole può sostenere la campagna con le seguenti modalità:

  • acquistando una copia del libro “Sem Terra: 30 anni di volti”
  • facendo una donazione al progetto “Plantar Solidariedade”
  • partecipando e contribuendo ai prossimi eventi che verranno organizzati

Per ricevere ulteriori informazioni sulla campagna e per avere dettagli su come partecipare si può scrivere a: info@giuliodimeo.it

Qui alcune info sulla campagna:

Qui alcune info sul libro:

Potrebbe interessarti anche…

Una nuova scuola sconfinata

di Redazione

Sperimentare comunità educative, patti territoriali e co-progettazione sono tra le proposte per una necessaria rivoluzione educativa, come suggerito dalle molteplici mani che hanno contributo alla stesura di “Scuola Sconfinata”.

educazionescuola

Aperitivi solidali

di Elisabetta Chiesa

Si è concluso un primo ciclo di aperitivi solidali, proposti da Trento Consumo Consapevole. In attesa dei prossimi incontri, vi raccontiamo cosa è emerso da produttori e partecipanti per le prossime stagioni di raccolta e di vendita dei prodotti.

aperitivo solidaleconsumo criticoevento

Turismo in Valsugana. Quale futuro?

di Mattia Voltolini

Il territorio della Valsugana è una delle poche località al mondo ad aver ottenuto il certificato di “Destinazione Sostenibile” riconosciuto globalmente. Ma cosa significa e quali implicazioni ha per il turismo della valle? Ne parla Denis Pasqualin, direttore dell’APT Valsugana e Lagorai, intervistato dai ragazzi del progetto “Giornalismo di Comunità”.

Agenzia Stampa GiovanileBorgo Valsuganaturismo

Hai bisogno di informazioni?