Logo Fà la cosa giusta Trento

Poetry for the planet, iscrizioni fino al 31 gennaio

In programma nei prossimi mesi un progetto che unisce dialettica e sostenibilità. Un progetto nato in collaborazione con Provincia Autonoma di Trento, Medici con l’Africa, Muse e Agenzia Italiana per la cooperazione e lo sviluppo.

Al via a febbraio il primo laboratorio di poetry slam legato alla sostenibilità ambientale

Per parlare di sostenibilità in un modo alternativo, Viracao&Jangada ha progettato assieme ad alcune realtà trentine questo percorso che si concretizza in un laboratorio teorico pratico che permetterà agli iscritti di condividere idee, dare voce ad azioni per combattere il cambiamento climatico e salvaguardare il pianeta

Chi potrà partecipare

Ragazze e ragazzi tra i 18 e i 30 anni potranno presentare la propria iscrizione. I posti previsti sono 12. I giovani potranno interagire con gli esperti e sperimentare tecniche di scrittura poetica. Alla fine verrà esposto al pubblico quanto prodotto in una serata di poetry slam, che si terrà al MUSE.

Chi sono gli esperti

Lorenzo Marangoni è un poeta, registra teatrale e performer. Fa parte della compagnia Amor Vacui e collabora con il Teatro Stabile del Veneto e l’Università di Padova. È campione italiano di Poetry Slam. 

Chiara Di Benedetto è esperta in comunicazione in campo scientifico e collabora con diversi enti come parchi naturali e enti di ricerca. 

Quando si svolgerà 

Il laboratorio sarà sabato 19 e domenica 20 febbraio e sabato 19 e domenica 20 marzo dalle 10 alle 18 presso  il MUSE – Museo delle Scienze di Trento. La performance sarà invece giovedì 24 marzo

Come candidarsi 

Le iscrizioni scadono il 31 gennaio e chi verrà selezionato riceverà una mail entro il 4 febbraio. Assieme al form che trovate qui, è necessario inviare via wetransfer a globalhealth@cuamm.org un video di due minuti, in cui si motiva la propria partecipazione.

La partecipazione è gratuita e ogni partecipante avrà un lunch-box per le giornate di laboratorio. Per partecipare bisogna essere muniti di Super Green Pass.

  

Potrebbe interessarti anche…

L’ansia climatica si “sconfigge” in circolo

di Redazione

Partirà a maggio il progetto “Circolo climatico”, proposto dall’associazione Viração&Jangada. Un’iniziativa per permettere ai giovani di affrontare la cosiddetta “ansia climatica” in gruppo di auto mutuo aiuto. Dopo degli incontri con esperti su cambiamento climatico, economia solidale e una psicologa, i partecipanti, tra i 16 e i 35 anni, si porranno delle sfide per rendere più sostenibile il proprio stile di vita e si confronteranno sulle difficoltà ma anche sui risultati raggiunti.

Circolo ClimaticogiovaniiscrizioniprogettoViracao&Jangada

Nuovi laboratori di autoproduzione

di Redazione

Fai la cosa giusta con le tue mani! Questo mercoledì vi proponiamo alcuni laboratori di autoproduzione dal blog Contiamoci.com

autoproduzioneNuovo Laboratorio

Seaspiracy: esiste la pesca sostenibile?

di Angela Nardelli

“Seaspiracy: esiste la pesca sostenibile?” è il titolo del documentario uscito il 24 marzo 2020 su Netflix e che ha fatto molto scalpore fin da subito, dividendo la critica fra chi lo ha trovato sorprendente e chi carente di dati affidabili.

cambiamento climaticopescasostenibile

Hai bisogno di informazioni?