Logo Fà la cosa giusta Trento

Il tempo di un salario dignitoso a partire dal settore della moda

Campagna Abiti Puliti ha lanciato un nuovo rapporto: "Il salario dignitoso è un diritto universale. Una proposta per l'Italia, a partire dal settore della moda". Nel rapporto si affronta il tema della povertà lavorativa. Per fronteggiarla, la prima (ma non unica) strada è quella di lavorare sul salario minimo.

La Campagna Abiti Puliti lancia il nuovo rapporto “Il salario dignitoso è un diritto universale. Una proposta per l’Italia, a partire dal settore moda”.

Campagna Abiti Puliti lancia un nuovo rapporto “Il salario dignitoso è un diritto universale”

La povertà lavorativa è un fenomeno sociale complesso, che va oltre la pura questione salariale e dipende da diversi fattori (individuali, familiari, istituzionali) e dalla configurazione delle catene globali del valore. Per essere affrontata e aggredita nelle sue cause strutturali, sono necessarie misure diverse e complementari di politica economica e fiscale, di natura legislativa e contrattuale, a livello sia nazionale che internazionale.

Elaborando i dati OCSE relativi al periodo 2000-2020 emerge come le retribuzioni abbiano subito una contrazione in termini reali nel periodo considerato, determinando un’erosione del potere di acquisto dei lavoratori. Ulteriore preoccupazione è determinata da una dinamica inflattiva tra fine 2021 e inizio 2022 particolarmente sostenuta, spinta dai prezzi dei beni energetici e in misura minore da quella dei beni alimentari. Nel 2019, Eurostat rilevava per l’Italia un tasso di rischio di povertà lavorativa per i lavoratori di età compresa tra 18-64 anni dell’11,8% ovvero 2,8 punti percentuali al di sopra della media UE-27.

In questo rapporto affrontiamo nello specifico il tema del salario quale prima, ma non unica, questione urgente su cui intervenire per aggredire il problema della povertà lavorativa e della diseguaglianza in Italia, a partire dalle filiere della moda.

In particolare, sulla scia della proposta di salario dignitoso nel settore TAC avanzata dall’European Production Focus Group relativamente ai paesi dell’Europa centrale, orientale e sudorientale, a sua volta ispirata all’iniziativa del 2009 dell’Asian Floor Wage Alliance per il continente asiatico, abbiamo calcolato un valore del salario minimo dignitoso pari a €1.905 netti mensili (ipotizzando una settimana lavorativa standard di quaranta ore settimanali, tale salario equivale a €11 netti all’ora).

Il concetto di salario minimo dignitoso a cui ci riferiamo, diritto umano riconosciuto nel diritto internazionale e nella nostra Costituzione, è definito come il valore della retribuzione base netta in grado di garantire al lavoratore e alla sua famiglia il soddisfacimento dei bisogni primari e condizioni di vita dignitose. Si differenzia dal salario minimo legale perché non si basa su valori di mercato. Sono considerati bisogni primari il cibo, il vestiario, i trasporti (abbonamenti ai trasporti pubblici), l’alloggio (spese per l’affitto o rate del mutuo, manutenzione ordinaria della casa), utenze domestiche (elettricità, riscaldamento, acqua, raccolta rifiuti, telefono, internet), istruzione, cultura e tempo libero, spese mediche ordinarie, vacanze (un viaggio della durata di una settimana per tutta la famiglia all’interno del proprio paese).

Il salario è il punto da cui partire per lavorare sulla povertà lavorativa

Il calcolo del salario dignitoso si basa su una metodologia piuttosto semplice, in modo da essere replicabile e aggiornabile nel tempo. L’idea centrale è quella di suddividere la spesa complessiva delle famiglie in due grandi componenti: spesa per generi alimentari e altre spese. Una volta definito il valore monetario della spesa alimentare familiare e assumendo che questa rappresenti una certa quota percentuale della spesa complessiva, otteniamo il valore del salario dignitoso come somma della spesa alimentare e della spesa non alimentare a livello familiare.

Il pagamento di salari dignitosi a tutti i lavoratori della filiera, diritto umano e sociale fondamentale, rappresenta un passo determinante poiché obbligherebbe le imprese a produrre meno e meglio, con impatti potenzialmente positivi sul benessere dei lavoratori, sull’ambiente e sulla stessa economia. Si potrebbe così finalmente virare verso un nuovo modello di organizzazione di impresa più sostenibile, democratico e basato su un ripensamento dei tempi di vita e di lavoro.

Il rapporto rivolge delle raccomandazioni a istituzioni politiche e imprese soprattutto nel settore della moda

È noto che la povertà lavorativa sia un fenomeno complesso e multidimensionale e richieda pertanto una molteplicità di strumenti e di misure, di carattere economico, legislativo, contrattuale e culturale. Per questo, a corredo del salario dignitoso di base e per incentivare rapporti di lavoro stabili, sicuri e duraturi, nel rapporto auspichiamo l’attuazione di altre misure che potrebbero essere sperimentate a partire dal settore TAC per poi essere estese all’intera economia: l’introduzione di strumenti di integrazione e sostegno dei redditi da lavoro più bassi, il c.d in-work benefit e l’avvio di un percorso pluriennale e graduale di riduzione collettiva degli orari di lavoro, a parità di salario dignitoso di base, in un’ottica di netto miglioramento della qualità della vita per i lavoratori.

Le raccomandazioni alle istituzioni politiche e alle imprese dettagliate nel rapporto sono volte ad affrontare in maniera sistemica e strutturale il problema della povertà lavorativa nonché della urgente transizione verso una industria della moda sostenibile, che potrà dirsi tale solo se inclusiva, equa e democratica.

Il rapporto completo è scaricabile a questo link.

Un articolo di “Campagna Abiti Puliti” comparso su Comune.Info

Potrebbe interessarti anche…

Verso il 25 settembre, gli scienziati chiedono “un voto per il clima”

di Redazione

Le elezioni politiche del 25 settembre si stanno avvicinando, e non possiamo più permetterci che le azioni di mitigazione e di adattamento al cambiamento climatico vengano demandate a "data da destinarsi". Per questo un gruppo di scienziati del clima italiani ha scritto una "Lettera aperta alla politica italiana" chiedendo che la crisi climatica venga messa finalmente in cima all'agenda politica. Si chiede "un voto per il clima". Sono state già raccolte più di 10mila firme.

climaelezioniletterascienziativoto

Marcia dei Bruchi, si parte il 4 marzo: ecco i dettagli

di Redazione

La Marcia dei Bruchi partirà il 4 marzo da Borgo Valsugana. Oggi, mercoledì 2 marzo, sono stati presentati i dettagli dell'iniziativa, che coinvolge soprattutto le scuole, in comune a Trento.

attivismo giovanilediritti umanijohn mpalizamarcia dei bruchiscuole

Fa’ la cosa giusta! anche d’estate e nelle valli

di Redazione

L'Ecosportello Fa' la cosa giusta porta la Fiera a farsi conoscere nelle valli: esposizione e vendita dei prodotti bio e non solo, piazza del riuso, laboratori, seminari, mostra fotografica e un trekking solidale ad ogni evento.

eventifalacosagiustamanifestazioni

Hai bisogno di informazioni?