Logo Fà la cosa giusta Trento

Con “Unicalana”, la creatività valorizza un prodotto locale

Da qualche anno Michela Frizzi ha iniziato a interessarsi alla lavorazione della lana trentina. È nata così “Lanetta”, una saponetta che ora si trova in alcuni negozi del territorio e che è decorata con lana, spezie da cucina e fiori. Michela ha creato anche “Unicalana”, un brand (e una pagina Instagram) in cui presenta le sue creazioni.

È da qualche anno che Michela Frizzi ha unito la sua creatività alla passione per un mondo ricco di spunti ma poco conosciuto, quello della lana, aprendo la pagina Instagram “Unicalana”.

“Negli ultimi anni – ci racconta – ho scelto di stare a casa con il mio bambino, che ha 3 anni e mezzo. Nella vita ho sempre fatto al grafica pubblicitaria_ lì ho messo a frutto la mia creatività, che mi sta aiutando molto con ‘Unicalana’, anche se per adesso si tratta solo di un hobby”.

Piano piano, Michela ha “scoperto il mondo della lana”. “È un materiale che è venuto a mancare negli ultimi 50 anni – spiega -, in Trentino ci sono poche persone che la lavorano, ma con grandissima passione. Si tratta però di un settore di nicchia”.

Il progetto di Michela, che viene da Cimone, si basa sulla valorizzazione della lana trentina. “Ho iniziato a studiare il territorio per capire dove potevo andare a prenderla”, racconta. “Da lì ho raggiunto alcune malghe, principalmente in Val dei Mocheni e a Piné ma anche sui monti Lessini, dove ho preso la lana per poi lavarla con prodotti biologici, cardarla a mano e sperimentare”.

Le saponette “Lanetta” sono il primo prodotto fatto con la lana che Michela Frizzi ha sperimentato

La lana, assicura Frizzi, è un materiale con molte proprietà. “Ho sempre vestito il mio bambino con prodotti in lana, e ne ho visto i benefici sulla pelle”. Il primo prodotto in cui si è cimentata è stata una saponetta di lana chiamata “Lanetta”. “Risalta anche all’occhio – spiega – perché è decorata con lana tinta, spezie da cucina e fiori della zona. L’ho provata in famiglia e ho visto che ha tantissime proprietà: aiuta a dare lucentezza al viso e ad ammorbidirle la pelle, ed è anche utile per l’abbronzatura. È un prodotto che ha avuto molto successo, e che ora si può trovare al Forno di Pitagora di Rovereto, all’Erboristeria MadreTerra di Mezzolombardo e alla Biocesta di Trento”.

Da quel primo tentativo sono nati anche altri prodotti “home made” creati con la lana. “Ho realizzato dei pupazzi per bambini e per decorare la casa – racconta Michela Frizzi – e poi ho comprato la materia prima, un tessuto morbidissimo fatto da lana e mohair, che ho decorato usando la tecnica dell’ecoprinting con foglie di bosco, fiori dell’orto e scarti di cucina. Ha dato un bellissimo risultato, sia a livello visivo sia a livello sensoriale”.

Grazie alla tecnica dell’ecoprinting, Michela trasforma un tessuto fatto con lana e mohair e lo rende più vivace

Per seguire i lavori di Michela Frizzi basta andare alla pagina Instagram @unicalana. “Ho creato un mio brand con un logo autoprodotto – racconta Frizzi -, cercando di abbattere la stampa data da solventi. Anche le istruzioni all’interno della saponetta ‘Lanetta’ sono scritte a mano, nonostante la bustina sia in plastica per motivi d’igiene. Voglio valorizzare il messaggio ecologico, oltre che la bellezza e l’utilità della saponetta. La lana, poi, non fa muffa: basta tenerla all’asciutto. Per la mia saponetta chiedo 10 euro, ma è un costo simbolico, perché dietro c’è un grande lavoro: la lana va pulita, cardata e decorata. Non si può paragonare al costo di un prodotto industriale”.

Alcuni dei prodotti che Michela Frizzi realizza con la lana

Potrebbe interessarti anche…

KM0: verso una mobilità sostenibile

di Angela Nardelli

Durante il quarto incontro del progetto KM0: giovani volontari per fare la cosa giusta la tematica protagonista è stata la mobilità sostenibile.

falacosagiustakm0volontari

“Né qui né altrove”, due giorni contro il bypass ferroviario

di Redazione

Il Comitato No Tav Trento invita la popolazione a due giornate di assemblee, discussioni e festa ad Acquaviva (Mattarello), dal 24 al 26 giugno, per dire "no" al progetto del bypass ferroviario. Il 31 maggio il Ministero per la Transizione ecologica ha espresso un giudizio positivo sulla compatibilità ambientale della circonvallazione di Trento, ponendo 10 prescrizioni che, secondo i No Tav, dimostrano che "il progetto è carente".

Bypass ferroviarioComitato No Tav TrentoNé qui né altroveTrento

Alimentazione sostenibile: bando per i giovani

di Redazione

Proposto un bando per supportare iniziative territoriali dal basso promosse e gestite da organizzazioni giovanili che mirino a creare consapevolezza sul consumo e la produzione alimentare sostenibile.

associazionibandoconsumo sostenibile

Hai bisogno di informazioni?