Logo Fà la cosa giusta Trento

Ripensa la città con MLAL a MoltiplicAzioni!

Al Festival Moltiplicazioni a Rovereto, l’1 e il 2 ottobre, ci sarà anche MLAL Trentino Onlus, un’associazione di volontariato che si impegna nel campo della cooperazione allo sviluppo e della cittadinanza attiva. A Moltiplicazioni proporrà un laboratorio creativo per re-immaginare insieme la città di Rovereto.

Quest’anno partecipa al festival MoltipicAzioni di Rovereto anche il Movimento Laici America Latina Trentino Onlus, “un’associazione di cooperazione internazionale che si occupa di solidarietà internazionale in Africa e America Latina, principalmente in Mozambico, Marocco e Haiti”, come ci racconta Federica Manfrini, che ne fa parte. In questi paesi l’associazione lavora per assicurare ai giovani un’alimentazione adeguata, attività di formazione e molto altro, cercando di rafforzare le comunità locali e promuovere la partecipazione dei giovani. Sul territorio trentino sono presenti dal 1992 e si occupano soprattutto di cittadinanza attiva, promuovendo attività per tutte le fasce di età a partire dai più piccoli. Negli anni hanno organizzato vari scambi, invitando in Trentino ragazzi provenienti da varie parti del mondo oppure portando giovani trentini in altri Paesi, “per promuovere momenti di incontro e di confronto tra culture differenti”.

MLAL Trentino Onlus partecipa al festival MoltiplicAzioni da tre anni e nella scorsa edizione ha organizzato un’analisi merceologica dei rifiuti urbani di Rovereto. Accompagnati da alcuni ingegneri della provincia di Trento, i partecipanti hanno aperto dei cassonetti per osservare come viene fatta la differenziata dai cittadini e scoprire come funziona la gestione dei rifiuti.

L’anno scorso MLAL ha proposto un laboratorio di analisi merceologica dei rifiuti a Moltiplicazioni

Le attività proposte per quest’anno sono molteplici. Sabato 1 ottobre, dalle 14.30 alle 16, ci sarà Quale impronta ecologica per la tua città?, “un laboratorio creativo per tutte le fasce di età”, organizzato insieme a Tana dei Papà e Comunità Murialdo.

“Chiederemo ai partecipanti come immaginano la loro città tra dieci anni e cosa vorrebbero cambiare”, spiega Manfrini, mentre l’illustratrice Michela Nanut disegnerà una mappa della città dando forma alle idee che emergeranno.

Più tardi, dalle 17 alle 18, durante La Rovereto che vorrei…, queste idee verranno discusse insieme dai giovani volontari di MLAL Trentino Onlus con le tecniche dell’Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente Elisa Pieratti e Lavinia Laiti, e con l’assessore di Miniucchi del Comune di Rovereto. Si dialogherà su come trasformare Rovereto in una città più sostenibile e verrà presentata anche la mappa disegnata da Michela Nanut durante il laboratorio precedente.

Quest’anno vengono proposti laboratori per i più piccoli e dibattiti per declinare il tema della sostenibilità a Rovereto

Sabato 1 e domenica 2, sarà possibile visitare anche una mostra fotografica organizzata insieme a CAM Mozambico, “In Mozambico: la sfida della gestione dei rifiuti urbani”: verranno esposte delle foto che documentano il progetto Gestione dei Rifiuti Solidi Urbani avviato nel 2016 a Beira, in Mozambico.

Con le attività proposte durante MoltiplicAzioni, MLAL Trentino Onlus contribuisce agli obiettivi di sviluppo sostenibile 11 (città e comunità sostenibili), 12 (consumo e produzione responsabili) e 13 (azione climatica).

Potrebbe interessarti anche…

L’impatto ambientale della nostra spesa

di Redazione

Tornano gli appuntamenti serali di Trento Consumo Consapevole, realizzati in collaborazione con Fa’ la cosa giusta! Trento. Questa volta si parlerà di ambiente e consumo consapevole con APPA Trento, Agenzia Provinciale per la protezione dell’Ambiente.

Chiara Lo Cicerconsumo consapevoleimpatto ambientalespesaTrento Consumo Consapevole

Trento Film Festival, una settantesima edizione tra montagna e cultura

di Redazione

Da venerdì 29 aprile Trento riabbraccia il suo festival. Per una decina di giorni la città sarà impegnata con il Trento Film Festival, tra spettacoli, convegni e tanto cinema con un occhio particolare alla sostenibilità.

culturamontagnasostenibilitàtrento film festival

Tra abbandoni e seconde case, la montagna nel post Covid

di Redazione

Il rapporto primaverile di Legambiente, “Abitare la montagna nel post covid”, mette in luce il problema di 66 strutture abbandonate, tra cui le ex-caserme delle Viote (Trentino), e analizza il fenomeno delle seconde case in 303 località alpine.

AbbandonoLegambientemontagnaPost CovidSeconde caseSmart working

Hai bisogno di informazioni?