Logo Fà la cosa giusta Trento

Rural Commons Festival: da Ovest ad Est

Primo festival dedicato al prendersi collettivamente cura del territorio in cui viviamo, il Rural Commons Festival prenderà il via tra Maggio e Giugno 2021 e attraverserà tre territori del Trentino: Giudicarie,Vallagarina e Terragnolo.

Il Rural Commons Festival: da Ovest a Est, è il primo festival itinerante dedicato ai beni comuni e alle pratiche rurali collettive (rural commons). In tre week end tra maggio e giugno farà tappa nelle Giudicarie, in Vallagarina e a Terragnolo, tre territori del Trentino che hanno mostrato un fermento culturale di comunità e che sono in grado di fare rete sulle pratiche comuni. Coinvolgerà in questo viaggio associazioni, piccole imprese, movimenti e iniziative di cura e gestione collettiva del territorio.

Obiettivo

Il senso del Festival è quello di definire dei commons rurali, esplorando e celebrando le pratiche collettive che promuovono la costruzione di una comunità inclusiva, che si prende cura del territorio, abitato da persone, animali, risorse, beni e servizi per la comunità. L’iniziativa è uno sforzo collettivo per far conoscere queste pratiche, per creare futuri rurali possibili. Uno sforzo anche culturale, per ri-avvicinare la comunità alle pratiche collettive del passato, per prendersi cura del territorio.

Questi rural commons verranno indagati nel corso del festival attraverso dialoghi, laboratori di autocostruzione, passeggiate esplorative, dibattiti ed eventi conviviali. Attraverso il coinvolgimento di associazioni, comunità locali, professionisti e studiosi, il festival mira a creare un dialogo e un confronto tra mondi diversi e alle volte lontani.

L’obiettivo finale sarà quello di costruire insieme ai partecipanti un manifesto che definisca i rural commons, in modo tale che ognuno si possa sentire co-responsabile di quanto questi beni comuni tutelano.

“Con il festival, siamo andate alla ricerca di queste pratiche, e con il festival vogliamo celebrarle, far emergere la loro diversità sia riguardo ai temi e agli aspetti di cui si occupano, sia per le forme organizzative e di gestione che propongono”. Queste le parole delle ideatrici del Festival: Cristina Dalla Torre, Bianca Elzenbaumer, Sara Favargiotti, Maddalena Ferretti.

Il progetto è stato realizzato con il contributo di Fondazione Caritro, all’interno del “Quarto Bando per progetti di volontariato culturale 2020” ed è supportata dai Comuni di Comano Terme, Rovereto e Terragnolo, dalla Cassa Rurale di Rovereto, dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea mediante l’iniziativa “Marie Sklodowska-Curie” e da più di 30 enti tra associazioni, istituti di ricerca, università, imprese sociali, movimenti e gruppi informali.

Tappe del Festival

Il Rural Commons Festival farà la sua prima tappa del week end dal 21 al 23 maggio 2021 nelle Giudicarie (Campo Base: Il Convento di Campo Lomaso). Proseguirà poi il week end successivo, dal 28 al 30 maggio in Vallagarina (Campo base: La Foresta – Accademia di Comunità) e terminerà nelle giornate dal 4 al 6 giugno a Terragnolo (Campo baso: Il Masetto di Terragnolo).

Le tre tracce tematiche che guideranno le conversazioni, i laboratori e i dialoghi sono:

  • Per le Giudicarie: Commons rurali e risorse di comunità – ripensare il valore e innovare le istituzioni collettive;
  • Per la Vallagarina: Commons rurali e economie di comunità – rigenerare il patrimonio intangibile attraverso le economie di comunità;
  • Per la Val Terragnolo: Commons rurali e rigenerazione del patrimonio – approcci creativi collettivi per nuove forme di habitat.

Sono previsti 9 giorni di evento; 12 camminate esplorative alla scoperta delle pratiche collettive tra questi tre territori; 22 ospiti, tra esperti e artisti, che porteranno il loro punto di vista su commons, innovazione sociale, paesaggio, spazi e beni comuni; 28 ricercatrici e ricercatori che aiuteranno la riflessione con le loro ricerche e studi; 16 giorni di laboratorio di autocostruzione. Il programma è inoltre arricchito da 3 serate di musica e da Simposi di ricerca in inglese, questi ultimi trasmessi in diretta streaming sulla pagina Facebook del Festival.

Iscrizioni e contatti

Il programma completo del Festival è disponibile sul sito di Rural Commons Festival, da dove è possibile iscriversi per le varie attività.

Per domande generiche rispetto al festival: info@ruralcommonsfestival.com

Cristina Dalla Torre – referente Giudicarie: cristina.dallatorre@eurac.edu

Bianca Elzenbaumer – referente Vallagarina: bianca.elzenbaumer@eurac.edu

Sara Favargiotti – referente Terragnolo: sara.favargiotti@unitn.it

Maddalena Ferretti – referente simposio: m.ferretti@univpm.it

 

Potrebbe interessarti anche…

Energie rinnovabili. Obbligatorie per legge ma nessuno lo sa

di Andrea Degl'Innocenti

Il blogger e ingegnere ambientale Pietro Cambi ha lanciato un appello per sensibilizzare opinione pubblica e addetti ai lavori su un testo normativo che impone l'utilizzo di fonti rinnovabili per il fabbisogno energetico di edifici di nuova costruzione e ristrutturati. Questa legge sarebbe disattesa da più della metà degli stabili realizzati in Italia negli ultimi dieci anni.

ambienteenergie rinnovabililegge

Sapori di saperi, il ciclo di incontri del progetto I Feed Good

di Redazione

Inizierà giovedì prossimo la serie di sei incontri promossi dall’Associazione Mazingira in collaborazione con CUS CUS Trento e Muse – Museo delle Scienze. Per saperne di più sulle attività in programma leggete questo articolo.

alimentazioneCus Cus TrentoI Feed GoodMazingiraSapori di Saperi

Le api insetti preziosi per l’ecosistema

di Angela Dalpiaz

Il miele è la prima cosa che viene in mente alle persone quando viene chiesto loro cosa fanno le api. In realtà le api hanno tantissime altre peculiarità e sono al centro di tanti processi naturali. Lo abbiamo chiesto a Stefania Lusuardi di Maso Canova.

ApiFioriMaso CanovaNomadismoStefania Lusuardi

Hai bisogno di informazioni?