Logo Fà la cosa giusta Trento

Aperto il Centro per l’Economia Solidale Trentina

Attivo a Trento il primo Centro dedicato all’Economia Solidale con uno sportello informativo che offre un supporto a chi vuole costruire un Distretto Economia Solidale.

Prende il via ufficialmente la sperimentazione in Trentino del primo Centro dedicato all’Economia Solidale, ovvero ad un modo di fare impresa su base territoriale che pratica i valori della equità, della sostenibilità sociale e ambientale, creando anche opportunità di inserimento lavorativo per le persone più fragili.

L’economia solidale, che si realizza attraverso la partecipazione e il dialogo tra produttori e consumatori, si basa su un modello di sviluppo che valorizza i territori e la dimensione locale e trova nei Distretti dell’Economia Solidale lo strumento pratico per creare filiere e reti tra attori diversi – pubblici e privati – che si occupano di produzione, distribuzione, consumo di beni e servizi.

Il Centro si rivolge, oltre che agli attori già iscritti ai disciplinari (più di 100), anche a tutte le imprese, le pubbliche amministrazioni locali, il Terzo Settore, gli enti di ricerca, gli hub e ai gruppi organizzati di cittadini come i Gas.

La sperimentazione di un Centro dedicato ai DES nasce su iniziativa della Provincia autonoma di Trento in base alla legge 13 del 2010 sull’Economia Solidale e la Responsabilità Sociale di Impresa ed è stata espressamente inserita nel Programma provinciale per l’Economia Solidale di recente approvazione da parte della Giunta provinciale.

Per i primi sei mesi, rinnovabili per un ulteriore anno, il Centro sarà gestito da Consolida, il consorzio delle cooperative sociali trentine vincitore del bando promosso dalla segreteria del Tavolo dell’Economia Solidale.

Le attività

Il Centro gestisce uno sportello informativo, aperto dal lunedì e giovedì al mattino presso la sede del consorzio (in via Rienza 22 a Trento) e cura l’accompagnamento delle realtà che sul territorio vogliano verificare o concretizzare la costituzione di un DES.

I lavori del Centro saranno monitorati dal Tavolo per l’Economia Solidale coordinato dall’UMST provinciale enti locali, politiche territoriali e della montagna. Il Centro sarà gestito da un team multidisciplinare: Giusi Valenti e Silvia Floriani di Consolida che si avvarranno della collaborazione di Jacopo Sforzi, Paolo Fontana e Alessandro Caviola di Euricse per l’accompagnamento agli enti interessati ad approfondire il tema DES, e di Tania Giovannini (CBS Società Benefit) per la comunicazione.

Per maggiori informazioni visitare il sito www.economiasolidaletrentina.it.

*Articolo pubblicato su Economia Solidale Trentina

Potrebbe interessarti anche…

Quando l’industria del cinema è sostenibile…

di Redazione

Dal 29 aprile al 1° maggio, a Trento, ci sarà un workshop dedicato al turismo sostenibile per gli addetti ai lavori. Green Film Lab è il nome del progetto, diviso in workshop di 3 giorni che saranno distribuiti diverse città europee. Iscrizioni entro il 25 marzo

cinemagreen film labsostenibilitàtrentino film commission

Circonvallazione ferroviaria, la mobilitazione dei cittadini

di Marianna Malpaga

Domenica 28 novembre, ad Acquaviva, si è tenuta un’assemblea organizzata da Comitato 11 Domande, Comitato No Tav Trentino, collettivo studentesco Refresh, Sindacato di Base Multicategoriale, Legambiente del Trentino ed Extinction Rebellion. In programma un altro incontro e dei presidi sul territorio per informare la popolazione dei rischi dell’opera

circonvallazionemobilitazione

Clima, il tempo stringe: il rapporto IPCC

di Marianna Malpaga

È stato pubblicato il 28 febbraio il rapporto del gruppo di lavoro II dell’IPCC. Se il riscaldamento globale dovesse superare la temperatura di 1,5°C, sottolinea il rapporto, sarà ancora più difficile “realizzare un modello di sviluppo resiliente al clima”. In alcune regioni, se il riscaldamento globale dovesse superare i 2°C, sarà “una cosa impossibile”.

cambiamento climaticoclimaIPCCrapporto

Hai bisogno di informazioni?