Logo Fà la cosa giusta Trento

Regala una borsa solidale a Natale

Dalle collaborazioni possono nascere grandi progetti. L’idea è venuta all’Azienda Agricola La Bis che grazie alle abilità nell’ambito della sartoria di Salim Tourè, ha deciso di creare diverse proposte per un Natale solidale speciale.

L’azienda agricola La Bis di Besagno, si trova alle pendici del Monte Baldo e produce ortaggi, frutta, cereali e uova biologiche.

Da qualche tempo, collabora con l’azienda agricola Salim Tourè, ragazzo della Guinea che prima di trasferirsi a Besagno gestiva la sartoria sociale Officina de l’ùcia a Trento, in cui tra un rammendo e l’altro si conoscono storie e si intrecciano relazioni. L’Officina si trova al Centro Sociale Bruno a Piedicastello e fa parte di un progetto Ri.create – Ricucire e Coltivare Relazione per l’Asilo sul territorio promosso dal Centro Astalli Trento e dall’Associazione Richiedenti Terra

Salim adesso sta aiutando come agricoltore l’azienda agricola la Bis, ma rimane comunque un sarto. Così con la titolare Maria hanno deciso di sfruttare le sue potenzialità per realizzare delle borse di cotone da regalare a Natale assieme ai prodotti dell’azienda agricola. 

In questa borsa c’è racchiusa la passione per la sartoria e per l’agricoltura./Foto di Azienda Agricola La Bis

Nella borsa si possono inserire: 

1° Proposta 

  • 5KG di patate biologiche (9€)

2° Proposta 

  • 1 barattolo di pomodoro artigianale, 1 barattolo di crauti artigianali, 1 composta d’uva, 1 confezione di farina di grano tenero semi integrale, 1 confezione di farina di mais da polenta.  (18€)

3° Proposta 

  • 1 barattolo di pomodoro artigianale, 1 barattolo di crauti artigianali, 1 composta d’uva, 1 confezione di farina di grano tenero semi integrale, 1 confezione di farina di mais da polenta, brick 3 litri di succo di mela. (28€)

Per le ordinazioni contattare Salim, al numero 392/6535081, entro il 5 dicembre.

Potrebbe interessarti anche…

“Rewa Rewa Station” dalla Nuova Zelanda al Trentino

di Marianna Malpaga

Patrizia Vieno viene da Trento, e dal 2011 abita nell’Isola del Nord della Nuova Zelanda, in un paesino che si chiama Tinui. Lì gestisce una fattoria che si chiama Rewa Rewa Station, dal nome di una pianta tipica del Paese. La fattoria è conosciuta per le “pecore colorate” e per la sua lana di qualità

produttorirewa rewa station

“Less Use, More Re-Use”: parti per la Spagna con Erasmus+

di Redazione

“Less Use, More Re-Use” è un progetto di mobilità di Erasmus+ organizzato dall’Associazione Mavi. Tra il 3 e l’8 ottobre 2022 un gruppo di giovani provenienti da alcuni Paesi europei, tra cui l’Italia, parteciperà a workshop sul cambiamento climatico, il riuso creativo, l’ecologia e nuovi modelli ecosostenibili.

Associazione MaviErasmus+progettoRicicloriusoValencia

Marzo: Le bevande vegetali e il riutilizzo dell’okara

di Redazione

Dal bagno ci spostiamo in cucina per preparare assieme ad Angela Castagna una buonissima bevanda vegetale. Prendiamo un po’ di tempo per noi, gustiamola molto lentamente, ma soprattutto modifichiamo il nostro stile di vita producendo autonomamente il cibo e allo stesso tempo riducendo i rifiuti.

laboratoriolatte di soiaokarasostenibilitàzero waste

Hai bisogno di informazioni?