Logo Fà la cosa giusta Trento

Il paesaggio si scopre mangiando: ecco i “Laboratori del Gusto”

Il 20 gennaio partono quattro “Laboratori del Gusto” curati da TSM, Fondazione Museo Storico del Trentino e Slow Food Valle dell’Adige e Alto Garda. Si esplorerà la storia del paesaggio attraverso quattro prelibatezze locali: l’olio evo del Garda Trentino, il Casolet della Val di Sole, il vino della Val di Cembra e il pescato trentino.

Al centro dei quattro “Laboratori del Gusto” altrettanti prodotti tipici del Trentino: uno di questi è l’olio evo del Garda. Foto dalla pagina FB di Slow Food Valle dell’Adige e Alto Garda

Partono giovedì 20 gennaio i “Laboratori del Gusto”, promossi da Trentino School of Management – Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio in collaborazione con la Fondazione Museo storico del Trentino e Slow Food Valle dell’Adige e Alto Garda. 

Quattro gli appuntamenti, in cui si andrà ad approfondire la storia del paesaggio attraverso la degustazione di alcuni prodotti tipici, guidati da alcuni esperti e dai produttori di Slow Food. Una delle domande da cui parte l’iniziativa, infatti, è “Che legame esiste tra la produzione alimentare e la bellezza di un paesaggio alpino, caratterizzato da masi, boschi, muri a secco e pascoli?”. 

La manifestazione rientra nelle attività legate a “Cibo e paesaggio”, una mostra aperta fino all’11 marzo nelle Gallerie di Piedicastello, dove si terranno i quattro incontri “collaterali”. 

I “Laboratori del Gusto”: dall’olio evo al Casolet passando anche per il vino della Val di Cembra e il pescato trentino

Protagonista del primo incontro, giovedì 20 gennaio alle 18, sarà l’olio extravergine di oliva del Garda Trentino. L’evento è a cura di EvoTrentino. Introduce Alessandro de Bertolini della Fondazione Museo Storico del Trentino; ci sarà anche una presentazione della filiera del pane delle Giudicarie.

Giovedì 3 febbraio, alle 18, sarà la volta del Casolet a latte crudo della Val di Sole: ci sarà un dialogo con Riccardo Casanova, dell’unico caseificio Turnario del Trentino, e un laboratorio di degustazione di formaggi del presidio Slow Food provenienti dalle diverse valli del Trentino a cura del maestro assaggiatore di formaggi Francesco Gubert. Introduce Angelo Longo della cooperativa Te.Sto. L’incontro sarà accompagnato da un assaggio di Vino Santo Trentino Presidi Slow Food con la produttrice Giulia Pedrini dell’Azienda Agricola Pravis. 

La viticoltura eroica in Val di Cembra sarà invece al centro del terzo incontro, giovedì 17 febbraio alle 18, con una degustazione dei vini eroici dei terrazzamenti della Val di Cembra con il Consorzio “Cembrani Doc”. Introduce l’incontro Elisabetta Nardelli di Trentino Marketing. 

Per finire, sarà protagonista la pesca in Trentino: i partecipanti avranno l’occasione di dialogare con i pescatori del Trentino e di assaporare i prodotti del laboratorio del gusto di Paolo Betti, cuoco dell’Alleanza Slow Food. Partecipano a questa serata anche i ragazzi della cooperativa sociale Cs4 di Pergine; introduce Alberto Cosner della cooperativa Te.Sto. 

Come iscriversi

L’accesso è gratuito su prenotazione (posti limitati). È necessario il super green pass per partecipare. Per prenotare bisogna contattare il numero di telefono 3277121209 o scrivere alla mail slowfoodadigegarda@gmail.com

Il racconto continua…

A partire dal 20 gennaio, i cuochi dell’Alleanza Slow Food Trentino Alto Adige, attraverso sette locande e trattorie sparse sul territorio, racconteranno alcune pratiche alimentari del Trentino, proponendo dei piatti che valorizzano la disponibilità e la stagionalità dei prodotti locali. 

Sempre dal 20 gennaio, alle Gallerie di Piedicastello sarà visitabile anche la mostra didattica itinerante “Cibo e paesaggio”, composta da 12 roll-up: dal 15 marzo questa mostra sarà disponibile gratuitamente per le scuole, le amministrazioni e le associazioni che ne faranno richiesta. 

Potrebbe interessarti anche…

Ciao Ketty e una moda che aiuta le persone e il pianeta

di sofiavalentinotti

Al Festival Moltiplicazioni di Rovereto partecipa anche l’associazione Ciao Ketty, che insieme a Lucicate e al Centro Moda Canossa propone attività di riuso e riciclo di vecchi abiti per salvarli dall’essere dimenticati o buttati. L’associazione Ciao Ketty raccoglie dal 2016 abiti di seconda mano che vende in cambio di un’offerta che viene poi devoluta in beneficenza.

ciao kettymoltiplicazioni festivalsviluppo sostenibileSwap party

Ravina, ripartono le “Giornate del Riuso”

di Redazione

Stanno per tornare le attese "Giornate del Riuso", promosse in primavera e in autunno dalla circoscrizione di Ravina Romagnano. Sono 18 le volontarie impegnate nel progetto, che prevede la donazione e il ritiro di abiti usati in buono stato e puliti a titolo gratuito. Ci aveva raccontato il senso di queste giornate, che si erano intrecciate con una ManifestAzione Fa' la cosa giusta! Trento, la presidente della circoscrizione Maria Camilla Giuliani.

circoscrizionegiornate del riusoravina

Verso il 25 settembre, gli scienziati chiedono “un voto per il clima”

di Redazione

Le elezioni politiche del 25 settembre si stanno avvicinando, e non possiamo più permetterci che le azioni di mitigazione e di adattamento al cambiamento climatico vengano demandate a "data da destinarsi". Per questo un gruppo di scienziati del clima italiani ha scritto una "Lettera aperta alla politica italiana" chiedendo che la crisi climatica venga messa finalmente in cima all'agenda politica. Si chiede "un voto per il clima". Sono state già raccolte più di 10mila firme.

climaelezioniletterascienziativoto

Hai bisogno di informazioni?