Logo Fà la cosa giusta Trento

Clima, il tempo stringe: il rapporto IPCC

È stato pubblicato il 28 febbraio il rapporto del gruppo di lavoro II dell’IPCC. Se il riscaldamento globale dovesse superare la temperatura di 1,5°C, sottolinea il rapporto, sarà ancora più difficile “realizzare un modello di sviluppo resiliente al clima”. In alcune regioni, se il riscaldamento globale dovesse superare i 2°C, sarà “una cosa impossibile”.

Il rapporto del gruppo di lavoro II dell’IPCC è stato reso pubblico lunedì 28 febbraio: il Sesto Rapporto di Valutazione sarà completato entro fine anno

La finestra temporale per agire contro il cambiamento climatico è sempre più stretta. Il rapporto del gruppo di lavoro II dell’IPCC (Gruppo Intergovernativo sul Cambiamento Climatico), pubblicato ieri, lunedì 28 febbraio, afferma che “realizzare un modello di sviluppo resiliente al clima è già adesso, agli attuali livelli di riscaldamento, una sfida complessa”. L’obiettivo sarà ancora più difficile da raggiungere se il riscaldamento globale dovesse superare la temperatura di 1,5°C. “In alcune regioni – aggiunge il rapporto -, realizzare uno sviluppo resiliente ai cambiamenti climatici sarà una cosa impossibile se il riscaldamento globale dovesse superare i 2°C”. Per scongiurare quest’ipotesi, servono “finanziamenti adeguati, trasferimento di tecnologia, impegno politico e partnership” e, al tempo stesso, anche “ridurre rapidamente e profondamente le emissioni di gas serra”.

“Cambiamenti climatici 2022: impatti, adattamento e vulnerabilità”. Il rapporto del gruppo di lavoro II del Gruppo Intergovernativo sul Cambiamento Climatico

“Questo rapporto è un terribile avvertimento sulle conseguenze dell’inazione”, ha detto Hoesung Lee, presidente dell’IPCC, in merito al rapporto del gruppo di lavoro II, la seconda parte del Sesto Rapporto di Valutazione (AR6), il quale sarà completato entro fine anno. “Mostra che il cambiamento climatico è una minaccia grave e crescente per il nostro benessere e per un pianeta sano – ha aggiunto -. Le nostre azioni di oggi determinano il modo in cui le persone si adattano e la natura risponde ai crescenti rischi connessi ai cambiamenti climatici”.

Le persone e gli ecosistemi più impotenti di fronte agli effetti del cambiamento climatico sono anche quelli maggiormente colpiti, sottolinea il rapporto pubblicato lunedì 28 febbraio, approvato dai 195 governi membri dell’IPCC. “Insieme, la crescente urbanizzazione e i cambiamenti climatici creano rischi complessi – ha spiegato Debra Roberts, copresidente del gruppo di lavoro II dell’IPCC -, specialmente per quelle città che già sperimentano una crescita urbana scarsamente pianificata, elevati livelli di povertà e disoccupazione e la mancanza di servizi di base”.

I rischi del cambiamento climatico

Eventi meteorologici estremi si stanno alternando, “causando – spiega il rapporto – impatti a cascata che sono sempre più difficili da gestire”. L’aumento di ondate di calore, siccità e inondazioni, che sta superando le soglie di tolleranza di piante e animali, sta causando mortalità di massa in alcune specie tra alberi e coralli.

Milioni di persone, poi, sono esposte a “grave insicurezza alimentare e idrica”, in particolar modo in Africa, Asia, America centrale e meridionale e nelle piccole isole e nell’Artico.

“Questo rapporto – ha commentato Lee, presidente dell’IPCC – riconosce l’interdipendenza tra clima, biodiversità e persone e integra le scienze naturali, sociali ed economiche in modo più forte rispetto alle precedenti valutazioni dell’IPCC. Il rapporto sottolinea l’urgenza di un’azione immediata e più ambiziosa per affrontare i rischi climatici. Le mezze misure non sono più una possibilità”.

La strada da percorrere: “salvaguardare e rafforzare la natura”

“Ecosistemi in salute sono più resilienti di fronte ai cambiamenti climatici e forniscono servizi essenziali per la vita, come cibo e acqua”, ha detto Hans-Otto Portner, copresidente del gruppo di lavoro II dell’IPCC. “Ripristinando gli ecosistemi degradati e conservando efficacemente ed equamente il 30-50% degli habitat terrestri, d’acqua dolce e marini, le società umane possono trarre beneficio dalla capacità della natura di assorbire e immagazzinare carbonio. In questo modo possiamo accelerare il progresso verso lo sviluppo sostenibile, ma sono essenziali finanziamenti adeguati e sostegno politico”.

Le sfide a cui è chiamata la politica, il settore privato e la società civile sono molte, perché diverse sono le dinamiche globali che si intrecciano con il cambiamento climatico. L’uso insostenibile delle risorse naturali, la crescente urbanizzazione, le disuguaglianze sociali, le perdite e i danni da eventi estremi e la pandemia sono solo alcuni esempi. “Le città offrono anche opportunità di azione per il clima – ha aggiunto Roberts -: edifici verdi, forniture affidabili di acqua potabile ed energia rinnovabile, sistemi di trasporto sostenibili per collegare aree urbani e rurali. Sono tutte iniziative che possono portare a una società più inclusiva e più giusta”.

Potrebbe interessarti anche…

Nuovo laboratorio: sciroppo di tarassaco

di Redazione

L'aperitivo è servito con questi cracker gusto pomodoro proposti da Essicchiamo il gusto.

crackercucinaNuovo Laboratorio

“Essere di più”, il terzo appuntamento del Circolo Freire

di Redazione

Continua la serie di incontri organizzati dal Circolo Freire di Trento. In questa occasione spazio all’esperienza di educazione popolare con la metodologia freiriana nella città di Ventimiglia

circolo freireesseredipiù

I Lunadì de L’Ortazzo sono alle porte come la primavera

di Redazione

Anche quest’anno l’associazione L'Ortazzo organizza i "Lunadì", degli incontri molto apprezzati. Si inizia sabato 5 marzo con la Marcia dei Bruchi di John Mpaliza. Il ritrovo è alle ore 9 alla stazione di Levico Terme.

approfondimenticonsumo criticoL'Ortazzolunadìserate

Hai bisogno di informazioni?