Logo Fà la cosa giusta Trento

Una balena di plastica per mari “plastic-free”

Tra il 29 aprile e il 1° maggio, a Milano, gli organizzatori della Fiera Fa’ la cosa giusta! Milano e Worldrise realizzeranno una balena di plastica, un’opera d’arte collettiva che lancia l’impegno per un mare “plastic-free”.

L’installazione che sarà realizzata durante la fiera Fa’ la cosa giusta! Milano, tra il 29 aprile e l’1 maggio

Una balena di plastica coloratissima accoglierà i visitatori della fiera Fa’ la cosa giusta! Milano. L’opera d’arte collettiva sarà costruita proprio in occasione della manifestazione, tra il 29 aprile e il 1° maggio, assieme a Worldrise e a tutti coloro, grandi e piccini, che vorranno contribuire alla sua realizzazione.

“C’è ancora tanto lavoro da fare per rendere i mari plastic-free come la nostra Fiera – scrivono sui loro social gli organizzatori di Fa’ la cosa giusta! Milano -, ma l’unione fa la forza: noi ci crediamo!”.

Worldrise ha lanciato su scala nazionale la campagna 30×30, il cui obiettivo è proprio quello di salvare il 30% dei mari italiani entro il 2030 istituendo delle Aree Marine Protette (AMP). I mari, infatti, sono “il nostro più grande alleato nella lotta ai cambiamenti climatici”, come ricorda Fa’ la cosa giusta! Milano.

Un bene prezioso che però è minacciato da inquinamento, riscaldamento globale e cambiamenti climatici, oltre che da pesca “eccessiva e illegale”.
Il focus della campagna 30×30 è, in particolare, il Mediterraneo, “un mare di straordinaria ricchezza biologica, abitato da oltre 17mila specie, caratterizzato da una biodiversità che, a parità di superficie, è di circa 10 volte superiore alla media mondiale”, come riportano i promotori della campagna. “Purtroppo – aggiungono – è anche considerato uno dei mari più sovrasfruttati al mondo e le Aree Marine Protette (AMP) sono il migliore strumento che abbiamo a disposizione per invertire questa rotta”.

Potrebbe interessarti anche…

WARS: un concorso fotografico per raccontare il pianeta

di Redazione

WARS è un concorso fotografico ideato dall’Associazione 46° Parallelo/Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo e Montura con il supporto di Fondazione Museo Storico del Trentino e InterSOS.

concorso fotograficoconflittigiornalismo

Quanto inquinano i nostri click?

di Redazione

Gli incontri di formazione del percorso Informatica, comunicazione audiovisiva e sportello sono giunti al termine, trattando il tema dell’impatto sull’ambiente dei sistemi informatici.

falacosagiustakm0volontari

Tutto sul progettista sociale in un libro

di Redazione

Venerdì 21 gennaio è in programma la conferenza “Progettista 4.0: per una progettazione partecipata e circolare dello sviluppo sociale” organizzata da Acli Trentine

aclitrentineprogettista sociale

Hai bisogno di informazioni?