Logo Fà la cosa giusta Trento

Scegli il tuo prossimo viaggio a piedi nel Nord Italia

Avete pensato alla gita fuori porta? Fa' la cosa giusta! vi consiglia due splendidi cammini a pochi passi da casa, dove potete godervi la natura in tranquillità, sempre all'insegna della sostenibilità. Per scoprire l'itinerario aprite qui

Con l’arrivo della primavera aumenta la voglia di passare il tempo libero all’aria aperta: per questo vi proponiamo due percorsi sui quali camminare con facilità, soprattutto se vivete in Lombardia o nel Nord Italia, che probabilmente ancora non conoscete. Potete organizzare un weekend fuori porta oppure percorsi più lunghi, a seconda delle vostre esigenze e del tempo a disposizione; tra spettacoli naturali e attrattive culturali, ambientali, artigianali, enogastronomiche e spirituali, non rimarrete comunque delusi! Partiamo.

Il Cammino di San Colombano

Dove: Lombardia, Emilia-Romagna

Sceglilo perché:

  • è una delle più antiche vie di pellegrinaggio in Europa. Lungo il percorso, che attraversa otto Paesi – Irlanda, Gran Bretagna, Francia, Germania, Svizzera, Liechtenstein, Austria e Italia – respiriamo lo spirito della nostra casa comune europea;
  • non ci sono treni o aerei da prendere: vi basterà uscire dalla porta di casa e allontanarvi a passo lento dalla frenesia della città;
  • il percorso non presenta particolari difficoltà: non si incontrano grandi salite (il dislivello massimo in salita affrontato in una tappa è di 750 m) e si cammina quasi sempre in piano se non per qualche dolce salita tra i colli dell’Appennino. Anche le tappe mediamente non sono lunghe e saranno semplici da affrontare anche per chi non è particolarmente allenato. Tutte le tappe terminano in centri abitati medio-piccoli dove è possibile dormire e mangiare.

Da vedere:

  • Novate Mezzola: punto d’incontro tra Valtellina e Valchiavenna, dove il Cammino di San Colombano saluta le Alpi e si prepara ai panorami del lago di Como e del Sentiero del Viandante.
  • Val Trebbia: scenario delle ultime tappe, qui si cammina lungo piacevoli sentieri immersi nel verde, circondati dalle colline, tra vigneti e girasoli. 
  • Bobbio: la meta del cammino, nota per l’abbazia fondata da san Colombano nel 614 e il famoso ponte Vecchio, detto anche ponte Gobbo. Il panorama da queste parti ricorda l’Irlanda! 

I nostri consigli:

  • La stagione più indicata per partire è sicuramente la primavera, per godere del sole tiepido e ammirare le fioriture delle piante.
  • Non dimenticate di portare con voi la guida di Terre di mezzo Editore!

Il Grande giro del Garda

Dove: Lombardia, Veneto, Trentino Alto-Adige

Sceglilo perché:

  • nel corso del viaggio trovate tutte le possibili declinazioni di un cammino: dal piacevole e rilassante lungolago fino al panoramico sentiero di montagna, lungo le 12 tappe possiamo ammirare il Garda e il paesaggio circostante da prospettive continuamente diverse;
  • sarà semplice pianificare il vostro viaggio: lungo la maggior parte delle tappe si incontrano frequenti centri abitati, e quindi occasioni di ristoro, i punti tappa si trovano in località di un certo rilievo perciò il pernottamento e la cena non saranno un problema.
  • c’è molto da scoprire anche sotto la superficie dell’acqua. A Torri del Benaco, per esempio, si trova un presepe, a 24 m di profondità. A Brenzone, in località Assenza, è collocata una statua della madonna, a 18 m di profondità, illuminata anche di notte.

Da vedere:

  • Limone sul Garda: già visibile dall’alto quando si transita su Cima di Mughera, Limone ci accoglie con le sue palme e le sue limonaie, che fanno da contrasto alle cime innevate fino a primavera inoltrata della catena del Baldo sulla riva opposta del lago. Un borgo davvero suggestivo, con viuzze lastricate in saliscendi, bouganville fiorite ogni dove, un bel lungolago e belle spiagge.
  • Crero: un suggestivo paesino ai piedi del Monte Baldo. Poco prima del paese si trovano delle rocce con incisioni rupestri, subito dopo si incontra la caratteristica chiesetta di San Siro, e poco più avanti si attraversa un facile ponte tibetano. Tutta questa parte del percorso è molto suggestiva, tra boschi, uliveti e caratteristici borghi di collina, con frequenti vedute panoramiche sul lago.
  • Sirmione: caratteristico e rinomato centro turistico, le sue attrattive principali sono il Castello Scaligero, le Terme e le Grotte di Catullo. Queste ultime, erroneamente denominate grotte dai viaggiatori che le riscoprirono, ed erroneamente associate al nome del poeta Catullo, sono le impressionanti e monumentali rovine di una villa di epoca romana. Grazie a un reticolo di vialetti sono percorribili e visitabili in tutta la loro estensione.

I nostri consigli:

  • L’abbondante disponibilità di mezzi pubblici consente di personalizzare l’itinerario in tanti modi diversi. Qui trovate alcune proposte per aiutare a organizzare il cammino a chi ha poco tempo a disposizione o vuole evitare le tappe più impegnative senza perdersi la bellezza del viaggio.
  • Portate con voi la guida di Terre di mezzo Editore!

Di turismo lento a piedi e in bicicletta, alla scoperta dei patrimoni territoriali, culturali, naturalistici ed enogastronomici italiani, parleremo a Fa’ la cosa giusta!, dal 29 aprile al 1° maggio a fieramilanocity. Continuate a seguirci per scoprire tutti gli appuntamenti in programma.

La fotografia dei viaggiatori sul Cammino di San Colombano è di Pierluigi Bellavite.

*Articolo pubblicato su Fa’ la cosa giusta! Milano

Potrebbe interessarti anche…

Il peso delle navi nell’inquinamento dei mari

di Redazione

In occasione della Giornata mondiale dell'acqua, pubblichiamo un articolo di un nostro partner con dati e soluzioni all'inquinamento di mari e oceani.

acquaemissioninavi

Tap Revolution

di Redazione

Sei un giovane interessato alle tematiche ambientali? Fino al 24 febbraio puoi iscriverti a questo progetto che contribuisce a 3 obiettivi dell’Agenda 2030.

bandoformazionevolontari

Cos’è l’economia circolare?

di Silvia Pedrazzoli

Il nuovo macrotema della campagna Vivila in 3D è il riuso. Per questo hanno scelto di approfondire il passaggio da rifiuto a risorsa sostenuto all'interno dei progetti di economia circolare.

Riciclorifiutitaprevolutiontrentino

Hai bisogno di informazioni?