Logo Fà la cosa giusta Trento

Al via il crowdfunding per il master Saperi in Transizione

E' stata lanciata una raccolta fondi per il master Saperi in Transizione - Strumenti e pratiche per una cittadinanza ecologica e globale. Il percorso è organizzato da Università di Trento, Parma e Verona: l'obiettivo è raccogliere almeno 7.700 euro per finanziare sette borse di studio.

Se il master è finanziato dalla comunità. E’ il caso di “Saperi in Transizione. Strumenti e pratiche per una cittadinanza ecologica e globale”, un percorso di studi unico in Italia che approfondisce le conoscenze necessarie per la transizione eco-sociale e che è stato avviato da Università di Trento, Università di Verona e Università di Parma.

“Ogni due anni formiamo una trentina di changemaker e facilitatori con competenze interdisciplinari attenti agli scambi e alle relazioni”, spiegano Ries – Rete Italiana Economia Solidale, di cui il master è socio, e Sit – Saperi in Transizione, che hanno lanciato una raccolta fondi per poter garantire alcune borse di studio a chi vorrà iniziare questo percorso.

La testimonianza di una studentessa del master Saperi in Transizione

“Contiamo su di voi per raccogliere almeno 7.700 euro per erogare sette borse da 1.100 euro”, spiegano. Ci sono ancora una sessantina di giorni per prendere parte alla raccolta.

Il master “Saperi in Transizione” nasce dalla consapevolezza che “non è possibile risolvere i problemi ambientali senza contemporaneamente affrontare i problemi sociali”.

La metodologia didattica è quella del dialogo: “Poche lezioni frontali – dicono -, preferiamo il dialogo, l’esperienza sul campo e l’orizzontalità. Chi frequenta il master scambia esperienze e saperi messi in comune all’interno delle lezioni”. Per questo il master non si svolge solo nelle aule universitarie, ma anche nei luoghi non accademici, dove si fa esperienza concreta dalla pratica alla ricerca e dalla ricerca alla pratica.

L’appello del crowdfunding è quello di sostenere la realtà del master Saperi in Transizione: “Abbiamo bisogno di unire le forze – scrivono i promotori del master – per dimostrare che vogliamo vivere in un mondo migliore e che sappiamo che per farlo occorre studiare le nuove invenzioni, i nuovi stili di vita, i nuovi modelli economici”.

La professoressa Forno racconta il master Saperi in Transizione, nato da una collaborazione tra Università di Trento, Parma e Verona

“Perché occorrono esperti che sappiano progettare in modo adeguato i processi di lavoro – concludono -, produzione e organizzazione, quelli in grado di tutelare l’ambiente e le vite sul pianeta: con un piccolo contributo tu puoi generare un piccolo cambiamento”.

La cifra raccolta sarà suddivisa in quote da 1100 euro, ognuna delle quali corrisponderà a una borsa di studio. Il resto della divisione servirà a una ulteriore “borsina” integrativa.

Potrebbe interessarti anche…

Agricoltura sostenibile, a Trento parte un corso per hobbisti

di Redazione

Tra maggio e giugno, a Trento, la Fondazione Mach e Nutrire Trento organizzano un Percorso formativo rivolto ad agricoltori hobbisti e appassionati. Le lezioni si terranno a Palazzo Geremia, ma ci sarà anche una visita sul campo, a Maso Canova.

Agricoltura sostenibilecorsoFondazione Machformazionehobbistinutrire trento

Come raccontare attraverso le foto e i social? Gli ultimi appuntamenti di “Km0”

di Marianna Malpaga

Il quarto appuntamento di “Km0: Giovani volontari per fare la cosa giusta” è stato condotto da Michele Lotti, fotografo freelance e insegnante degli Artigianelli di Trento. I ragazzi e le ragazze sono anche scesi “in campo” e hanno scattato delle foto in giro per Trento. Mercoledì 20 ottobre il percorso si è chiuso con l'incontro sui social curato da Federico Palisca.

km0volontariato

Rural Commons Festival: da Ovest ad Est

di Angela Nardelli

Primo festival dedicato al prendersi collettivamente cura del territorio in cui viviamo, il Rural Commons Festival prenderà il via tra Maggio e Giugno 2021 e attraverserà tre territori del Trentino: Giudicarie,Vallagarina e Terragnolo.

festivalruralcommonfestivalterritorio

Hai bisogno di informazioni?