Logo Fà la cosa giusta Trento

Tre giorni dedicati alle “Terre Alte” con Slow Food

Dal 27 al 28 maggio, appuntamento a Trento e alle Viote del Bondone per una tre giorni dedicata alle Terre Alte. A organizzarla è Slow Food Trentino Alto Adige: ci saranno mercato della terra, laboratori del gusto e incontri dedicati al futuro di questo ecosistema.

Slow Food Trentino Alto Adige dà appuntamento dal 27 al 29 maggio, a Trento e alle Viote del Bondone, per una tre giorni dedicata alle Terre Alte.

Tre giorni dedicati alle Terre Alte, tra il 27 e il 29 maggio, aspettando l’evento nazionale “Terra Madre”

L’iniziativa è ricca di appuntamenti e stimoli diversi: dal Mercato della Terra ai Laboratori del Gusto a incontri dedicati alla riflessione sul futuro di questo ecosistema e su come possa essere protagonista di una diffusa e capillare rigenerazione.

Terre Alte è il titolo dell’iniziativa. E i suoi protagonisti sono gli artigiani del cibo buono pulito e giusto, i cuochi, le associazioni e i numerosi attivisti che si impegnano per il bene della montagna.

“L’intreccio delle diverse crisi che stiamo attraversando – sanitaria, ambientale e alimentare – acuite oggi dalla grave situazione geopolitica internazionale”, spiegano gli organizzatori dell’iniziativa, che aggiungono: “Le Terre Alte non sono immuni da tutto ciò. Anzi spesso costituiscono un dirompente campanello di allarme di fenomeni ambientali e sociali. Da tempo, nelle aree interne e nelle terre alte si assiste all’abbandono dei borghi e delle tradizionali attività economiche. A volte siamo portati a pensare questi territori come luoghi idilliaci e arcadie, ma la verità è che essi non sono affatto estranei a fenomeni di degrado ambientale e di dissesto idrogeologico, accentuati dalla crisi climatica e dal progressivo innalzamento delle temperature con gravi effetti agli ecosistemi alpini. La manifestazione più eclatante in tal senso è lo scioglimento dei ghiacciai”.

Quale rigenerazione è possibile? Come promuovere il ritorno alle Terre Alte preservandone al contempo i delicati equilibri? E come proteggerle dalla pericolosità dei fenomeni in atto?

Gli appuntamenti si svolgeranno a Trento ma anche alle Viote del Bondone

IL PROGRAMMA COMPLETO

VENERDÌ 27 MAGGIO Quartiere di San Martino, Trento

16.00 Via San Martino
Inaugurazione Mercato della Terra

16.00 – 21.30 Via San Martino, Bookique, Parco della Predara
Mercato della Terra con i produttori delle Terre Alte

16.15 Parco della Predara
Laboratorio per bambini: Le bombe di fiori
A cura della Comunità Laudato Si’ Trento – gratuito

17.00 Palazzo Trautmannsdorf, via del Suffragio 3
Laboratorio del Gusto:
Degustazione Vini eroici di montagna
A cura di Strada del Vino e dei Sapori del Trentino e Onav
Prenotazioni a trento@onav.it
30 € | 20 € per soci ONAV e Slow Food

17.30 Rione San Martino
Laboratorio del Gusto: L’olio extravergine estremo
A cura di Evo Trentino
Iscrizioni a slowfoodtaas@gmail.com
7 € | 5 € per Soci Slow Food

18.00 Sala Bookique, Rione San Martino
Ecosistemi e nuove geografie.
Per un Forum permanente delle Terre Alte
Nel cuore delle vallate alpine, sugli Appennini, sui monti del Mezzogiorno e delle isole, comunità diverse resistono nelle aree interne e nelle terre alte. Una tavola rotonda mette a confronto diversi attori di questo sistema, con l’obiettivo di costituire un confronto permanente tra gli attori delle Terre Alte. Iscrizioni a slowfoodtaas@gmail.com

20.00 Bookique, Rione San Martino
Piatto unico con gli ingredienti del mercato
A cura dei cuochi dell’Alleanza

21.30 Parco della Predara
Musica dal vivo

SABATO 28 MAGGIO Quartiere di San Martino, Trento

10.00 – 19.30 Via San Martino, Bookique, Parco della Predara
Mercato della Terra con i produttori delle Terre Alte

10.00-12.00 Piazzale Bookique, Parco della Predara
El cogo en piaza
I cuochi dell’Alleanza tra i banchi del mercato per dare indicazioni e guidarvi nella spesa

11-12.00 Via San Martino
Musica dal vivo
Le note di San Martino con il gruppo “Canzoni & Swing”
a cura di el Barrio

10.00 Sala Bookique, Rione San Martino
Un Green Deal per le foreste dolomitiche
Un patto per lo sviluppo sostenibile rivolto alle foreste dolomitiche dopo la sciagura di Vaia sottoscritto da diversi rappresentanti della società civile trentina. La tragedia ambientale provocata dal ciclone estratropicale Vaia deve diventare un’opportunità anche attraverso l’iniziativa dal basso dei cittadini e delle loro rappresentanze. Le associazioni firmatarie presentano il documento e lo stato dei lavori.
Iscrizioni a slowfoodtaas@gmail.com

11.00 Rione San Martino
Laboratorio del Gust: I formaggi Presidio Slow Food
Degustazione con Francesco Gubert
Iscrizioni a slowfoodtaas@gmail.com
7 € | 5 € per Soci Slow Food

12.30 Gradoni del Parco della Predara
Slowcooking
Le erbe spontanee in cucina con Luigi Montibeller
A cura dei Cuochi dell’Alleanza – gratuito
Iscrizioni a slowfoodtaas@gmail.com

14.00 Rione San Martino
Laboratorio del Gusto
I mieli di montagna Presidio Slow Food
Degustazione con Alessandro Suffriti
Iscrizioni a slowfoodtaas@gmail.com
7 € | 5 € per Soci Slow Food

14.30 Parco della Pedara
Presentazione libro
“Il monito della ninfea” (2° edizione)
Con l’autore Michele Nardelli

15.00 Scuole Raffaello Sanzio, Trento
Visita guidata
Le scuole Raffaello Sanzio di Adalberto Libera
A cura di Touring Club Italiano – gratuito
Iscrizioni a touringclubtrento@gmail.com

16.00 Rione San Martino
Laboratorio del gusto per bambini
I paesaggi del Trentino
A cura di TSM – STEP
Laboratorio gratuito
Iscrizioni a slowfoodtaas@gmail.com

16.30 Sala Bookique, Rione San Martino Trento
World Caffe
Incontro con i produttori delle Terre Alte
A cura di Marta Villa, Università di Trento
Partecipazione gratuita
Iscrizioni a slowfoodtaas@gmail.com

18.00 Parco della Pedrara
Presentazione libro
“Città fai-da-te: Tra antagonismo e cittadinanza. Storie di autorganizzazione urbana” di C. Cellamare
A cura di INU e di Libreria due punti

21.30 – Parco della Pedrara
Spettacolo musicale
Maledetti Cantautori
di Nicholas Ciuferri con la
collaborazione di D. Celona e P. Coccato
Ingresso libero, gradita consumazione

DOMENICA 29 MAGGIO
Ex caserme austroungariche delle Viote
Monte Bondone

10.00 -16.30
Il Mercato della Terra si sposta alle Viote

10.00
Rigenerare il Monte Bondone
Riappropriarsi di uno spazio di grande valore architettonico, storico e ambientale come occasione per un ripensamento sul futuro del Monte Bondone come ecosistema che unisce un vasto territorio fra la Vallagarina e la Valle dei Laghi, il capoluogo e il Lago di Garda.
Una giornata di incontri, escursioni e conoscenza per immaginare un diverso futuro di una struttura oggi semi abbandonata. Iscrizioni a slowfoodtaas@gmail.com

12.30
Laboratorio del Gusto
Degustazione vini cantina Delaiti
Iscrizioni a slowfoodtaas@gmail.com
7 € | 5 € per Soci Slow Food

dalle 13.00
Pranzo a cura dei cuochi dell’Alleanza
Iscriviti scrivendo a slowfoodtaas@gmail.com
Pranzo a offerta libera

15.00
Escursione: Alla scoperta delle erbe spontanee
con Giorgio Perini
Iscrizioni a slowfoodtaas@gmail.com – gratuito

16.00
Presentazione
Giardino Botanico Alpino Viote di Monte Bondone
A cura del MUSE – Museo della Scienze di Trento
Ingresso offerto da Slow Food

16.30
Merenda
e conclusione della manifestazione

Potrebbe interessarti anche…

Agricoltura sostenibile, a Trento parte un corso per hobbisti

di Redazione

Tra maggio e giugno, a Trento, la Fondazione Mach e Nutrire Trento organizzano un Percorso formativo rivolto ad agricoltori hobbisti e appassionati. Le lezioni si terranno a Palazzo Geremia, ma ci sarà anche una visita sul campo, a Maso Canova.

Agricoltura sostenibilecorsoFondazione Machformazionehobbistinutrire trento

Corso: transizione sostenibile

di Redazione

Corso proposto dalla Scuola Capitale Sociale e dalla Federazione Trentina della Cooperazione per offrire gli strumenti aziendali utili al processo di transizione ecosostenibile.

corsoformazioneTransizione ecologica

“Una catena alimentare da ripensare, al di là della guerra”

di Marianna Malpaga

Fabio Ciconte, direttore di Terra, è autore del libro “Fragole d’inverno”, un’inchiesta sulla produzione agroalimentare italiana. “La guerra contingente ci permette di ripensare il mondo della catena alimentare. Se però parliamo del grano dobbiamo dirci che uno dei problemi più grossi che il grano duro ha dovuto affrontare è stato il periodo di siccità che c’è stato in Canada”.

Fabio CiconteFragole d'invernosistema agroalimentareTerraucraina

Hai bisogno di informazioni?