Logo Fà la cosa giusta Trento

Un’esperienza turistica per tutti con “Remoove”

L’azienda di Arco “Remoove” progetta servizi turistici accessibili per tutti. È anche uno dei distributori di cargobike, handbike e tandem, che noleggia e vende a Torbole, Riva e Arco. Questi mezzi permettono anche alle persone con disabilità di sperimentare una mobilità green.

Le cargo bike di Remoove permettono a tutti di godere di un’esperienza turistica nell’Alto Garda

Sono partiti dalle cargo bike per poi pensare a veri e propri servizi di supporto alla costruzione di prodotti turistici adatti a tutti.

“La persona con disabilità per noi è un cliente come un altro, che ha delle esigenze ed è disposto a pagare per un servizio”, spiega Mattia Bonanome, fondatore, assieme ad Andrea Tomasoni, di “Remoove”, un’azienda di Arco che offre servizi di innovazione sociale, progettazione, formazione, consulenza e mezzi di trasporto per il benessere delle persone, la mobilità e il turismo inclusivi.

Il tema è quello della sostenibilità “a tutto tondo”; una sostenibilità quindi non solo ambientale, ma anche sociale. “Chiaramente parliamo di biciclette e mezzi green – prosegue Bonanome, che nel weekend tra sabato 28 e domenica 29 maggio ha partecipato agli “Emoving Days”, dedicati al mondo della mobilità elettrica e urbana, a Milano -, ma anche di sostenibilità sociale, perché bisogna dare la possibilità a tutti quanti di usufruire dei mezzi e degli spazi green. Molto spesso infatti non si tiene conto dei diversi fruitori. Siamo ancora poco abituati a vedere in giro cargo bike, handbike e tandem”.

Mattia Bonanone e Andrea Tomasoni, fondatori di Remoove, progettano anche servizi turistici accessibili

“Remoove” è distributore di varie aziende che producono questi mezzi. Ne ha a disposizione una quarantina per un target molto ampio di persone, sia a noleggio sia in vendita. “Abbiamo tra i nostri clienti persone che convivono con la disabilità o loro familiari – dice Bonanome – ma anche catene di alberghi che usano le nostre cargo bike per fare i ritiri in Ztl o per fare il cambio delle camere”.

Negli anni la sensibilità verso il turismo accessibile è aumentata. “Da quest’anno stiamo iniziando a riscontrare una discreta attenzione”, prosegue il fondatore di “Remoove”. “Un hotel di Arco, per esempio, ha acquistato una family bike per i suoi clienti, mentre abbiamo diversi alberghi che noleggiano le nostre cargo bike quando ospitano dei clienti con disabilità”.

Nell’Alto Garda ci sono tre punti vendita, a Torbole, Riva e Arco. “Abbiamo vinto un bando della società di assicurazioni Assimoco, grazie al quale abbiamo acquistato parte delle bici”, specifica Bonanome. “Assimoco ha premiato il nostro progetto, un’esperienza ancora unica in Italia”.
Oltre al noleggio e alla vendita di cargo bike, gran parte del lavoro di “Remoove” si concentra nella progettazione di servizi e percorsi di turismo accessibile. “Abbiamo da poco terminato un progetto con la Comunità di Valle Alta Valsugana e Bersntol – aggiunge Bonanome -, dove abbiamo disegnato dei percorsi che collegano il Parco Miniere del Lagorai attraverso percorsi ciclabili usufruibili da tutti. Abbiamo mappato tre itinerari e abbiamo fatto un’analisi per rendere ancora più accessibili questi percorsi, studiandone pendenze, distanze, paletti, accesso alle fontane… Il nostro obiettivo è far vivere un’esperienza turistica alle persone indipendentemente dalla loro condizione fisica”.

“Remoove” allarga la fruizione della mobilità sostenibile anche a persone con disabilità

Una strada che è stata tracciata, quella della sostenibilità nel mondo del turismo, ma per la quale il cammino da fare è ancora lungo. “Nonostante le buone relazioni con Confcommecio, con l’Apt locale e con l’Asat – conclude Bonanome – quello che abbiamo sperimentato è che il Trentino è una provincia fortunata perché ha delle infrastrutture moderne e dei servizi efficienti, ma c’è ancora un po’ di lentezza ad adeguarsi alle necessità di tutti i turisti. L’esigenza c’è, così come la richiesta del mercato, e non sarebbe necessario fare dei grossi cambiamenti. Ma, se da una parte se ne parla molto, si fa ancora troppo poco”.

Potrebbe interessarti anche…

Un campo estivo su “energia, ambiente, clima e guerre”

di Redazione

A Pesaro, tra il 5 e il 10 settembre, un campo estivo per giovani dai 18 anni su, "Energia, ambiente, clima e guerre. Scelte politiche e stili di vita". L'iniziativa è progettata dall'Università per la pace e dalle Scuole di pace di Senigallia, Fano e Pesaro.

Campo EstivoenergiaguerraPesaro

Sostenibilità: possiamo fare la differenza?

di Redazione

La sfida è come possiamo essere sostenibili? Quali sono le diverse chiavi di lettura? Scopriamolo con Europe Direct Trentino.

eventosostenibilità

Il ghiacciaio arretra, una preziosa risorsa idrica viene dispersa

di Marianna Malpaga

Nevica a quote sempre più alte e d’estate fa sempre più caldo: così i ghiacciai arretrano. Ma i ghiacciai, come ci spiega Christian Casarotto (Muse), sono una risorsa idrica fondamentale alla base di molte attività agricole, industriali e civili.

arretramentochristian casarottofusioneghiacciairisorsa idrica

Hai bisogno di informazioni?