Logo Fà la cosa giusta Trento

Assaporare la vita nel corpo e in natura

Sabato 4 marzo, dalle 13.30 alle 17, presso il lago di Santa Colomba, un momento di scoperta di se stessi tramite l'unione delle discipline bagno di foresta e cranio sacrale

Sabato 4 marzo, dalle 13.30 alle 17, presso il lago di Santa Colomba, un momento di scoperta di se stessi tramite l’unione delle discipline bagno di foresta e cranio sacrale biodinamico.

Il corpo è il luogo in cui viviamo, la Natura è la casa che abitiamo.

Ti è mai capitato di dimenticarti del tuo respiro e di rendertene conto solo nel momento in cui ti è venuto a mancare? Hai mai fatto attività fisica in Natura senza renderti conto di dove fossi poiché talmente coinvolto/a dai contenuti del passato e del futuro? Succede spesso di non percepire le sensazioni che il corpo ci trasmette.

Fermati, fai qualche respiro profondo e abbandonati all’intenzione di stare nel corpo e di abitare la Natura. Ti viene offerta un’esperienza che ti permette di diventare testimone della Vita che agisce dentro e intorno a te in ogni singolo momento. Verrai accompagnata/o con rispetto, presenza e coerenza in questo viaggio di osservazione e sperimentazione che va oltre il giudizio, pregiudizio, concetti mentali e che ha come obiettivo prevalente quello di assaporare il proprio corpo, e l’ambiente naturale per come sono, per ciò che c’è in quel momento.

Alice, operatrice di biodinamica craniosacrale (che è un invito profondo al riequilibrio fisico, emotivo ed energetico) e Arno, psicosintetista e ideatore della metodologia Forestling (Counseling e coaching in Foresta), ti accompagneranno passo dopo passo nell’esplorazione e scoperta della propria integrità personale, verso gli altri e la Natura. Ogni partecipante sarà “semplicemente” testimone fatto di tessuti e cellule; le stesse cellule delle piante, degli animali, della terra.

“Incorporare è portare umilmente al corpo, ancora e ancora quello che ascoltiamo finché ci apriamo al non conosciuto. Ascoltare, aspettare, ospitare nel corpo sono strumenti delicati per disincagliare e lasciar affiorare le radici della bellezza. Una bellezza che non divide, che non discrimina, che non appartiene ad un idea. Una bellezza che è uno sguardo che restituisce” – Chandra Livia Candiani

Per chi? Per tutti coloro che hanno il desiderio di:

– scoprire la propria integrità e di sentirsi a casa nel proprio corpo

– assaporare l’ambiente naturale e il senso di appartenenza alla Natura

– riappropriarsi dello stato di quiete attraverso il non fare

– sperimentarsi nell’autoregolazione del proprio sistema nervoso utile a rafforzarsi

Cosa portare? Abbigliamento adeguato alla stagione, un materassino o un sacco a pelo.

Per informazioni:

Telefono: +393921630180 / Mail: info@forestling.com

Potrebbe interessarti anche…

Cosa significa essere ecogenitori?

di Redazione

Abbiamo risposto a questa domanda nel secondo evento online organizzato dall'Ecosportello Fa' la cosa giusta! Trento con Angela Castagna, Marta Stoppelli ed Egon Angeli.

eventogenitorisostenibilità

Corso: Ogni piatto è un racconto

di Redazione

Il progetto "I feed good" promuove un corso di storytelling e videomaking per raccontare i piatti di quattro paesi diversi.

corsocucinavideomaking

L’impegno per l’ambiente e l’ansia climatica al Festival Educa di Rovereto

di Marianna Malpaga

Tra il 6 e l’8 maggio a Rovereto torna Educa, il festival dell’educazione. Tra i 60 appuntamenti ci sono anche due momenti dedicati al ruolo dell’attivismo giovanile per l’ambiente e all’ecoansia, con un focus particolare su come gli adulti possono sostenere le fragilità dei più giovani.

Associazione Viracao&Jangadacambiamento climaticofestival Educagiovanirovereto

Hai bisogno di informazioni?