Logo Fà la cosa giusta Trento

Sciroppo di tarassaco

Ricetta dall'Azienda Agricola bioecologica Altaura e Monte Ceva, che tra i suoi prodotti offre questo delizioso sciroppo di cui ci è stata regalata la ricetta.

Maria Dalla Francesca, dell’Azienda Agricola bioecologica Altaura e Monte Ceva in provincia di Padova ci ha inviato la disponibilità dei suoi prodotti per la prossima stagione. Tra questi, anche uno sciroppo di tarassaco, che può essere sostituito anche con le foglie di fico, del quale ci ha regalato la ricetta.

I contatti dell’Azienda: Instagram, Facebook, sito, mail: dfmaria@libero.it.

Procedimento

A fine marzo ho raccolto i fiori di tarassaco sulle capezzagne e in mezzo al frumento e ho confezionato la gelatina di fiori di tarassaco seguendo la seguente ricetta.

Ho raccolto 1 kg di fiori di tarassaco, di mattina presto, a inizio/ metà della loro fioritura perchè poi diventano troppo amari. In 3-4 giorni i fiori aumentano molto il loro peso.
 
Dopo aver messo a bollire i fiori per 15 minuti con 3 litri d’acqua e il succo di 1 limone e mezzo (circa g 0,045), ho raccolto  il liquido filtrato attraverso una tela fitta. Altri lasciano in infusione 24 ore prima di filtrare, ma ho notato che  poi devono aggiungere una quantità quasi tripla di zucchero. Dato che si fa bollire, non credo che lasciar riposare per 24 ore serva per estrarre più proprietà dai fiori.

Ho poi rimesso a bollire per circa 1 ora e mezza con kg 0.6 di zucchero biologico e il succo di altri 3 limoni.

Tolgo dal fuoco quando prende il colore ambrato ed il profumo di zucchero caramellato.

Metto la gelatina bollente, così ottenuta, nei vasi di vetro. La produzione è di 6-7 vasi da g 250 di peso netto di gelatina di fiori di tarassaco.
 
Ognuno poi fa la sua esperienza.
 
Attenzione: questo modo di procedere è lo stesso che adotto per lo sciroppo di foglie di fico e per altri sciroppi. In questo caso il risultato non è uno sciroppo ma una gelatina cioè un prodotto molto più denso di uno sciroppo che, col tempo, tende a indurirsi sempre di più. Ciò dipende dalla composizione dei fiori di tarassaco che evidentemente contengono un addensante. Metto nei vasi la gelatina abbastanza liquida perché il volume diminuisce da caldo a freddo e il livello del prodotto, all’interno del vaso, diminuisce.
 
 
Note e curiosità relative al tarassaco
:  
 
Il fiore prima di diventare seme passa attraverso una fase intermedia di cui i canarini vanno ghiotti: sono piccoli “fidellini” che potete vedere in queste due foto.

Potrebbe interessarti anche…

Flan di cavolo viola con pistacchi e Trentingrana

di essicchiamoilgusto

Essicchiamo il gusto ci propone una ricetta per il consueto appuntamento del mercoledì. Un goloso flan dal colore insolito!

cibo

Pellicola alimentare lavabile

di OrloSubito

Oggi impariamo a fare l'involucro alimentare lavabile, suona strano?

DIYHandcraftRiciclo

Salus-mix

di Laura Andreolli

Una bomba di energia e salute speziata al naturale. Un preparato molto semplice, genuino e dalle proprietà straordinarie. Può essere un valido sostituto dello zucchero e non solo!

ciboDIY